A space in time

Parlavamo giusto di Pikes Peak quando mi sono imbattuto in una serie di foto che documentano uno dei più grandi “musei junkyard” (leggi accozzaglia di pezzi messi lì) di auto del mondo che si trova praticamente dietro la montagna sede della gara. Grazie allo splendido clima del Colorado che con la sua aria secca mantiene in buono stato il ferro questa mega collezione di pezzi anni ’40-’50 e ’60 open air conserva ancora il suo fascino e ricorda quella specie di gigantesca officina aeronautica all’aperto che si trova invece nel deserto di Mojave.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Ma perché?

La scelta del nome di un’auto è sempre un’operazione complessa, deve avere un senso in parecchie lingue, dev’essere facile da ricordare, non deve ricondurre a

Leggi Tutto »

Dopo lo sport, il lusso

Con la presentazione della nuova Maybach Mercedes rinforza ulteriormente la sua presenza nei segmenti top di gamma, nell’ottica di concentrarsi sul nuovo concetto di lusso.

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli