Debutta la top Diesel dell’Astra

Seconda installazione (dopo quella sulla Insignia) per il biturbodiesel targato Opel: ora fa la sua comparsa sulla Astra, che in questa versione si chiama BiTurbo CDTI. L’unità eroga 195 CV e dispone di una coppia massima di 400 Nm, ma già da 1250 giri può contare su 320 Nm grazie all’azione sequenziale dei due turbocompressori di cui è dotato il propulsore, che consentono una rapido incremento del momento torcente.
Ritocchi estetici fari allo xeno di serie e una differente colorazione degli interni la differenziano esteriormente dalle altre versioni, mentre dal punto di vista tecnico, oltre al motore, c’è anche l’assetto ribassato mentre il telaio adattivo FlexRide è solo optional. Alle notevoli prestazioni velocistiche, 226 km/h la berlina e 222 la station, fanno però riscontro consumi contenuti, in media 19,6 km/litro, pari a emissioni di CO2 di soli 134 g/km.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

American Twizy?

Il concetto è lo stesso del quadriciclo Renault: due posti in tandem, trazione elettrica e una copertura parziale sopra le teste. Ma la Arcimoto va

Leggi Tutto »

Senti come urla

Il sound di un V2 aspirato marchiato Cosworth è inconfondibile e resta un must per i veri appassionati dell’automobile. La T.50 l’abbiamo vista l’anno scorso.

Leggi Tutto »

Buona la terza

La nuova generazione della Nissan Qashqai è stata rinnovata nell’estetica e nella meccanica, con gruppi motore tutti ibridi e niente Diesel. La più grande novità

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli