A Ginevra la P1, erede della F1

In attesa del salone di Ginevra, McLaren a diffuso le prime foto della sua nuova supercar, la P1, che verrà svelata nelle sue forme definitive al prossimo salone di Ginevra. Anche se la linea ricorda la relativamente a buon mercato MP4-12C (riguardo i contenuti, ovviamente), qui siamo di fronte a una vera supercar che intende sfidare i miti del settore come la prossima Porsche 918 Spyder, grazie al sistema di trazione ibrido che comprende una versione modificata del V8 biturbo ad albero piatto della 12C più un motore elettrico alimentato da un Kers del tutto simile a queli in uso sulla F1, per una potenza complessiva di 730 CV. Ciò, assieme alla scocca in carbonio giustifica il prezzo, previsto a cavallo tra gli 827.000 e i 945.000 euro, ma la McLaren non intende fare della P1 l’auto più potente al mondo, quanto la migliore, da guidare s’intende. Ci riusciranno? Può essere, la Casa inglese ha già dimostrato con l’ultima auto che livello di feeing con il pilota sa raggiungere. Ma corre l’obbligo di far presente che nel segmento delle supercar il blasone conta come e anche più della tecnologia e che, per quanto raffinata ed esclusiva, una McLaren non regge ancora la partita con i veri miti del settore, innazitutto Ferrari e Porsche. Ma se lo merita, questo è certo.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Negare l’evidenza

Corrono le voci sull’aumento delle accise sul gasolio. Per ridurre l’impatto sulla CO2, dicono. Un assurdo tecnico ed economico, ma sappiamo come vanno le cose

Leggi Tutto »

Detto e fatto

Tesla trasloca dalla California al Texas. Dopo le ordinanze di chiusura della sede di Fremont che avevano generato una battaglia legale, il marchio sposta la

Leggi Tutto »

Principio di realtà

Nei sogni spakkano e sono virtuose per l’ambiente, con costi d’esercizio risibili e potenze da F1. Ma nel mondo reale i problemi connessi all’uso delle

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli