L’auto USA riparte

I commenti da Detroit sono tutti entusiastici. Di là dell’Atlantico i tempi duri (quantomeno nel settore auto) sono un retaggio del passato, tanto che i  livelli di mercato 2012 sono tornati a valori pre-crisi. Bene siamo tutti molto contenti, davvero. Ma corre l’obbligo di un’obiezione da disincantati, basata soprattutto sul tipo di prodotti presentati al salone del Michigan, che a dispetto della tecnologia e delle innovazioni cui ci avevano comunque abituati le grigie esposizioni degli anni scorsi, sono del tutto tornati al più puro criterio yankee, ergo cc, CV e dimensioni maxi, vedi Chevrolet Corvette Sting Ray e GMC Sierra. Dicevamo: siamo sicuri che la crisi sia davvero passata, anche solo negli USA? Gli indicatori economici direbbero di no. L’America è sempre sul ciglio del fiscal cliff e non mi pare che tra democratici e repubblicani abbiano trovato una soluzione. Anche la situazione delle fonti energetiche è sempre la stessa; non è stata scoperta un’alternativa al petrolio e quello che c’è quota sempre attorno ai 100 dollari barile, per non parlare dell’europeo Brent, sensibilmente più caro.  Insomma non basta guardarsi attorno nella calma dell’occhio del ciclone per dirsi fuori dall’uragano e gli USA ci sono ancora dentro, nel turbine intendo. Per carità, tutti vogliamo che l’industria dell’auto si riprenda, troppo dell’economia è legato ad essa. Ma non possiamo nemmeno dimenticare che l’abitat sociale è cambiato definitivamente, che il ruolo dell’auto non è più lo stesso degli anni ’50 e che il rapporto con l’abiente richiede scelte più coraggiose. E non è il “me ne frego” che emerge da Detroit con i suoi motori mega e le dimensioni extra la soluzione, nemmeno a breve termine.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Sempre più elettrici gli Usa

L’amministrazione Biden ha deciso di spingere sull’acceleratore della mobilità elettrica, l’investimento previsto è di addirittura 174 miliardi di dollari. Una vera pioggia di denaro su

Leggi Tutto »

La buona Stella

Per il gruppo Daimler sembra che il vento stia cambiando: in aumento le vendite di Mercedes e Smart, con un significativo incremento anche dei modelli

Leggi Tutto »

La UE della follia

Ulteriore giro di vite sulle automobili, senza considerare le difficoltà di una popolazione che, perdurando la pandemia, a tutto può pensare fuorché a cambiare auto.

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli