Rumore elettrico

L’auto elettrica è trendy, forse anche un po’ snob e racchiude molti pregi, ma ha anche un  punto debole, così grave che potrebbe arrivare a segnarne il “de profundis”: non fa rumore. Beh, direte voi, che problema c’è? A tutti piacerebbero città più silenziose e a misura d’uomo. Già, ma sta precisamente nel concetto di “a misura d’uomo” l’inghippo. E’ infatti proprio il rumore prodotto da una vettura quello che vi ha salvato decine di volte dall’esserne investiti. Quando attraversiamo la strada, per esempio, il più delle volte ci affidiamo più al nostro udito cha alla vista per percepire l’arrivo di un’auto, magari perché siamo al telefono. Di qui la grande importanza per la sicurezza del “rumore” prodotto dall’automobile.Il problema non è nuovo e da tempo in Europa le Case hanno provato a creare uno standard di rumore da applicare alle vetture elettriche, ma senza risultati apprezzabili. Oltreoceano, invece, dove il pragmatismo la fa da padrone (e dove si sono registrati a oggi quasi 3000 incidenti tra veicoli elettrici e pedoni), la NHTSA, l’ente che sovrintende alla sicurezza stradale ha già bruciato le tappe e proposto un protocollo che contiene le specifiche cui deve attenersi il generatore di suono che svolgerà nelle auto elettriche in cirbcolazione negli USA il ruolo di avvertimento nei confronti dei pedoni. La misura riguarderà ogni tipo di veicolo, autocarri compresi e il suono verrà emesso fino al raggiungimento della velocità di 35 km/h, oltre la quale il rumore prodotto dagli pneumatici sarà preponderante. Insomma, l’esperienza tutta americana del tradizionale camioncino dei gelati di quartiere ha fatto scuola e potremmo presto vederne i frutti anche da noi.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Cattive dentro

Una presentazione eccezionale con tre vetture che rappresentano il top della sportività di fascia media. Sono le nuove BMW M3, M4 e M4 Cabriolet. Ormai

Leggi Tutto »

Autonome, non sicure

Le automobili self driving non rappresentano come molti sostengono il toccasana della sicurezza. Lo prova un’indagine dell’ENISA. ENISA sta per European Union Agency for Cybersecurity,

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli