E se si rompe?

Ancora (in pratica) non ci sono e già è nato un servizio di soccorso. Parlo di auto elettriche e del servizio lanciato dal gruppo IMA Italia Assistance, che ha messo in piedi una rete specializzata nel soccorso di questo tipo di veicoli. A dirla tutta, l’iniziativa “copre” anche le autovetture ibride e ciò dà maggiore funzionalità a un’iniziativa altrimenti (sinceramente) un po’ velleitaria. E’ vero tuttavia che l’approccio a un’automobile che al posto o in assistenza al motore a combustione ha batterie e cavi ad alta tensione richiede competenze specifiche per non correre rischi. I progetti recenti, infatti, hanno pressoché tutti tensioni di lavoro attorno ai 300 V, per di più in corrente continua, più che sufficienti per causare la morte per folgoramento qualora si venga in contatto con un conduttore scoperto. Non a caso i manuali di uso e manutenzione dei veicoli elettrici fanno esplicito divieto di intervenire sulle parti in tensione della vettura.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Negare l’evidenza

Corrono le voci sull’aumento delle accise sul gasolio. Per ridurre l’impatto sulla CO2, dicono. Un assurdo tecnico ed economico, ma sappiamo come vanno le cose

Leggi Tutto »

Detto e fatto

Tesla trasloca dalla California al Texas. Dopo le ordinanze di chiusura della sede di Fremont che avevano generato una battaglia legale, il marchio sposta la

Leggi Tutto »

Principio di realtà

Nei sogni spakkano e sono virtuose per l’ambiente, con costi d’esercizio risibili e potenze da F1. Ma nel mondo reale i problemi connessi all’uso delle

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli