Rifornimento fai da te?

Ok, il risparmio energetico è à la page. Certo che però in Sardegna hanno preso la questione davvero alla lettera, tanto che un ricercatore dell’università di Sassari ha trovato un sistema di riutilizzare l’urina (sì proprio quella, umana e animale) come additivo per migliorare il rendimento di combustione dei carburanti tradizionali. Finora sapevamo dell’impiego dell’urea per i sistemi di catalisi per gli NOx sui Diesel di mezzi pesanti e alcune auto Euro 6, soluzione già diffusa tanto che ci sono i distributori di Ad Blue, l’urea, appunto, destinata a tali sistemi. Ma Franco Lisci, l’ideatore del progetto, con un passato in Fiat, ha messo a punto un sistema legato invece direttamente alla combustione, che si basa su un processo di filtrazione molto ecologica della materia prima, tanto che i dispositivi sono realizzati in lana di pecora (!!). Tale processo consente di di ottenere un additivo che promette riduzioni di consumo del 35% nei motori a benzina, del 60% in quelli Diesel e addirittura dell’80% con i combustibili gassosi. Sono valori strabilianti, forse troppo per dar loro fiducia così, d’acchito. Ma in tempi di crisi val comunque la pena di verificare la congruità degli asserti. Comunque sarebbe bello poter contare sempre sulla possibilità di un rifornimento personale per la propria auto; non so se mi spiego.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Negare l’evidenza

Corrono le voci sull’aumento delle accise sul gasolio. Per ridurre l’impatto sulla CO2, dicono. Un assurdo tecnico ed economico, ma sappiamo come vanno le cose

Leggi Tutto »

Detto e fatto

Tesla trasloca dalla California al Texas. Dopo le ordinanze di chiusura della sede di Fremont che avevano generato una battaglia legale, il marchio sposta la

Leggi Tutto »

Principio di realtà

Nei sogni spakkano e sono virtuose per l’ambiente, con costi d’esercizio risibili e potenze da F1. Ma nel mondo reale i problemi connessi all’uso delle

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli