Le poste francesi innovano

In Francia sono avanti, tanto che persino le poste possono darci dei punti. E’ il caso di una regione, la Franche Comté, quella attorno a Besançon, dove il servizio pubblico ha deciso di sperimentare degli innovativi range extender (generatori di corrente imbarcati, in pratica) per i propri veicoli elettrici. Grazie a un accordo con la società Symbio FCell, infatti, le poste hanno acquistato alcuni  Kangoo Z.E. modificati con l’aggiunta di fuel cell che ne aumentano l’autonomia. Il sistema impiega le celle prodotte dalla Symbio FCell, unità da 5 kW che possono essere accoppiate sino a un numero di 4 per aumentare la potenza; sul Kangoo è installata la ALP5, l’unità base, e grazie ad essa l’autonomia raddoppia rispetto ai 160 km (teorici) garantiti dalle batterie, raggiungendo i 320 km (vera la parte a gas). Il consumo di idrogeno per la generazione di energia elettrica, contentuto in una bombola da 38 litri collocata in posizione posteriore sotto la scocca, è di 1.5 litri all’ora, ma il gas viene usato anche per il riscaldamento o la climatizzazione del veicolo. Unico problema il rifornimento, che dev’essere effettuato presso aziende specializzate, anche perché la pressione di lavoro della bombola arriva a ben 700 bar. Non vorrei proprio essere tamponato, ma si tratta comunque di un esperimento interessante, anche perchè il range extender occupa un decimo del volume delle batterie che garantirebbero la stessa autonomia.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

VW vende Bugatti?

La notizia è clamorosa; VW starebbe per cedere alla Rimac il marchio Bugatti. Per risparmiare? Forse. Di sicuro è sempre più coinvolta nella rivoluzione “green”

Leggi Tutto »

GM lancia la sfida a Tesla

Nikola Corporation e GM firmano un accordo per la produzione di un pick up elettrico. E, in un secondo momento, di veicoli commerciali a zero emissioni. Nel mirino ovviamente c’è Tesla

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli