Chi di gomma ferisce…

Si sa che i francesi quando protestano fanno sul serio. D’altronde hanno fatto la rivoluzione più famosa della storia, no? Quindi anche nell’ambito delle proteste sindacali sono ad anni luce dagli italiani quanto a farsi ascoltare davvero. Cosa c’entra con l’auto? Beh, più che con le macchine in sé, c’entra con gli “accessori”, dato che la notizia rigurda lo stabilimento Goodyear di Amiens, destinato alla produzione di gomme da trattore, che dopo anni di trattative dovrebbe chiudere nelle prossime settimane. Le maestranze locali, inviperite dal balletto di scarichi di responsabilità, invece di manifestare hanno bloccato due dirigenti dello stabilimento  nel loro ufficio ostruendo il passaggio del corridoio di uscita utilizzando un grosso penumatico da trattore. Di fatto un sequestro, ma eseguito in un certo senso simpaticamente grazie al fatto che per spostare lo pneumatico occorre ben più della forza di due uomini. Attualmente è in corso uno stretto giro di incontri tra autorità e operai per sbloccare la situazione. Ma l’idea della gomma è davvero forte!

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Negare l’evidenza

Corrono le voci sull’aumento delle accise sul gasolio. Per ridurre l’impatto sulla CO2, dicono. Un assurdo tecnico ed economico, ma sappiamo come vanno le cose

Leggi Tutto »

Detto e fatto

Tesla trasloca dalla California al Texas. Dopo le ordinanze di chiusura della sede di Fremont che avevano generato una battaglia legale, il marchio sposta la

Leggi Tutto »

Principio di realtà

Nei sogni spakkano e sono virtuose per l’ambiente, con costi d’esercizio risibili e potenze da F1. Ma nel mondo reale i problemi connessi all’uso delle

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli