Fiat nel mirino di Moody’s

Moody’s, la società finanziaria di valutazione dell’affidabilità delle strutture economiche, non impazza soltanto sui bilanci dei vari stati, ma prende in esame anche le società automobilistiche. Stavolta è il turno di Fiat che, dopo il recente annuncio di completa acquisizione di Chrysler, è posta sotto esame per un possibile downgrading. Perché? Ma proprio a causa del notevole esborso per il recente acquisto, che potrebbe, secondo l’agenzia, determinare una considerevole contrazione del flusso di cassa (peraltro attualmente negativo) e pregiudicare quindi l’attivita dei prossimi 12-18 mesi. A guardare bene l’intera faccenda, quindi, quelli che sono in pericolo sono proprio gli investimenti sui  nuovi modelli, che potrebbero subire un drastico ridimensionamento in attesa degli attivi derivanti dall’attività di un gruppo che attualmente è risalito fino alla settima posizione nel novero delle grandi Casa auto mondiali.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Cambio di strategia

Le restrizioni legate al covid, i colli di bottiglia delle catene di approvvigionamento, la carenza di componenti e ora nuovi ostacoli derivanti dall’invasione russa dell’Ucraina

Leggi Tutto »

Orizzonte variabile

Le prospettive del mondo dell’auto sembrano cambiare di continuo, con segnali di ripresa alternati a tonfi annunciati. E non è detto che le crisi di

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli