Bye bye Active E

Il sito Usa Jalopnik riporta della distruzione di 1.110 BMW Active E a trazione elettrica, vetture basate sulla Serie 1 servite da banco di prova per le i3 e i8 e date in leasing a una serie di clienti selezionati. Le leggi di mercato yankee sono diverse dalle nostre e nella loro ottica la distruzione di una serie di vetture alla fine del contratto di leasing è ragionevole: BMW non vuole affrontare i costi di costituzione di un magazzino ricambi specifico che dovrebbe fornire parti per almeno una decina d’anni; in più, ora che le i sono sul mercato meglio restringere il campo. Una storia che ricorda quella delle Viper donate per l’istruzione stradale. In America le cose vanno così.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Equilibrismo sul filo

Dalle case costruttrici arrivano messaggi sempre più contraddittori, indice dell’incertezza causata dalle nomative caotiche e talebane della UE. Mica facile tenere la barra diritta di

Leggi Tutto »

Dimmi come suoni

Le auto elettriche mancano della componente emozionale del suono del motore. Le Case corrono ai ripari con l’aiuto di compositori. Il suono prodotto da un

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli