Energia dalle strade

Ok, il video è piuttosto fuori, incalzante e lungo, ma il montaggio è davvero forte e l’argomento molto interessante. Non è un progetto campato per aria, ma una startup nata in Idaho che attualmente è in cerca di finanziamenti: offre infatti uno sguardo su un possibile futuro dove le strade sono fatte di pannelli di vetro rinforzato che contiene celle solari, microprocessori e LED. La Solar Roadways ha lavorato su questo prodotto per anni e ha già attirato molta attenzione da parte della comunità tecnica; ora vuole assumere un team di ingegneri per perfezionare e snellire il processo di produzione. La proposta è semplice nel concetto e i benefici potrebbero essere sostanziali: sostituendo circa 30.000 chilometri quadrati di strade asfaltate, marciapiedi e parcheggi in Usa con pannelli solari commerciali, che offrono un’efficienza di circa il 18,5 % , il progetto potrebbe generare circa 14 miliardi kilowatt di energia – pari a circa tre volte quello che gli Stati Uniti attualmente generano ogni anno. D’altra parte la sostituzione di tutti i marciapiedi d’America richiederebbe da sola intorno a 5,6 miliardi di pannelli che, al un costo di circa 10.000 dollari per sezione, fanno qualcosa come 56.000 miliardi dollari di dollari. Non credo ci siano tutti ‘sti soldi disponibili da qualche parte e quindi che il progetto parta su larga scala la vedo dura. Ma l’idea non è affatto male e merita considerazione, anche perché le strade che comunicano farebbero fare un balzo in avanti alla sicurezza attiva.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

VW vende Bugatti?

La notizia è clamorosa; VW starebbe per cedere alla Rimac il marchio Bugatti. Per risparmiare? Forse. Di sicuro è sempre più coinvolta nella rivoluzione “green”

Leggi Tutto »

GM lancia la sfida a Tesla

Nikola Corporation e GM firmano un accordo per la produzione di un pick up elettrico. E, in un secondo momento, di veicoli commerciali a zero emissioni. Nel mirino ovviamente c’è Tesla

Leggi Tutto »

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli