Sarà mica colpa della F1?

Saranno gli insuccessi nella massima categoria o forse sfiducia nel futuro delle special sportive. Comunque pare che Tony Fernandes, il miliardario malese proprietario della Caterham, si sia stufato del business e abbia messo in vendita tutta l’organizzazione, la Caterham Cars, il team di F1, la società di engineering e quella che si occupa di materiali compositi. Chiede 589 milioni di dollari e ha già fatto le sue proposte a qualche papavero negli Emirati, l’unica area geografica ove si possano ancora fare acquisti emozionali, ma per ora buio. Insomma una battuta di arresto negli interessi malesi nel mondo dell’automobile, che segue la notizia di inizio anno della cancellazione della collaborazione Caterham per l’area motosport con la Renault e lo spostamento in avanti (quanto non si sa) dello sviluppo della concept AeroSeven. Visto l’andazzo, c’è da aspettarsi qualcosa anche dalla Proton, proprietaria della Lotus?

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Sempre più elettrici gli Usa

L’amministrazione Biden ha deciso di spingere sull’acceleratore della mobilità elettrica, l’investimento previsto è di addirittura 174 miliardi di dollari. Una vera pioggia di denaro su

Leggi Tutto »

La buona Stella

Per il gruppo Daimler sembra che il vento stia cambiando: in aumento le vendite di Mercedes e Smart, con un significativo incremento anche dei modelli

Leggi Tutto »

La UE della follia

Ulteriore giro di vite sulle automobili, senza considerare le difficoltà di una popolazione che, perdurando la pandemia, a tutto può pensare fuorché a cambiare auto.

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli