El coche de Mallorca

Tra i tanti costruttori del primo dopoguerra, ce n’era uno anche alle Baleari. La Casa si chiamava LORYC, fu fondata nel 1920 e già nel 1922 con un modello Speedster riuscì a conquistare un terzo posto alla Le Mans di quell’anno. Chi sia stato a Maiorca sa si tratti di una sorta di colonia tedesca: così un imprenditore teutone là trasferitosi ha deciso di  riprendere il filo con i fasti delle antenate e (ri)fondato nel 2013 la LORYC Mallorca. Bene, direte voi, saranno le solite sportive artigianali costosissime. Niet, non potrebbero essere più lontane da una sportiva. Si tratta infatti di due vetture elettriche che delle antenate mantengono soltanto il concetto di vettura essenziale e leggera. Pesano attorno ai 550 kg, pochi per auto a batteria, e hanno un motore da 20 CV, decisamente inadatto a garantire loro prestazioni esaltanti; accu al litio e autonomia tra 120 e 180 km completano il quadro, per ora, dato che la presentazione ufficiale è prevista per il prossimo Marzo. Con un peso di soli 550 kg vedo assai difficile ottenere una simile autonomia, ma soprattutto trovo che la scelta di produrre la Speedster e la Pickup con un look ben oltre il concetto rétro e dunque perfettamente in linea con le auto degli anni ’20 mi sembra un vero azzardo commerciale. Sì, perché a parte il fatto che le orginali erano più carine, l’esborso per l’acquisto si colloca attorno a 45.000 euro. Vi sfido a trovare il cliente tipo.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Negare l’evidenza

Corrono le voci sull’aumento delle accise sul gasolio. Per ridurre l’impatto sulla CO2, dicono. Un assurdo tecnico ed economico, ma sappiamo come vanno le cose

Leggi Tutto »

Detto e fatto

Tesla trasloca dalla California al Texas. Dopo le ordinanze di chiusura della sede di Fremont che avevano generato una battaglia legale, il marchio sposta la

Leggi Tutto »

Principio di realtà

Nei sogni spakkano e sono virtuose per l’ambiente, con costi d’esercizio risibili e potenze da F1. Ma nel mondo reale i problemi connessi all’uso delle

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli