Il salone di Parigi, prima parte

Siamo ormai alle porte del salone francese che si alterna con quello di Francoforte. Sono dell’opinione che i saloni siano ormai una sorta di retaggio del passato, molto costosi e poco redditizi per le Case ma, come spesso succede, occorre tempo per rendersene conto. Per gli appassionati rimangono comunque l’occasione di vedere le auto tutte assieme, così come di poter avvicinare modelli mitici che normalmente sarebbero molto oltre la loro portata e che altrimenti potrebbero vedere soltanto in foto. Dunque, dalla parte dell’automobilista urge una minirassegna di ciò che ci attende a Parigi, eccone la prima parte (le foto seguono l’ordine dei testi), il resto a seguire soon:
Audi A6
Ne ho già parlato, ma il debutto ufficiale è al salone.
Bentley Mulsanne Speed
Una versione decisamente prestazionale della più classica berlina da autista (nel senso di chi la guida): quest’ultimo potrà sfogarsi (quando non trasporta il proprietario) staccando 0-100 sotto i 5 secondi grazie ai 537 CV e ai 1.100 Nm. Sarei però curioso di vedere cosa succede dal vivo scaricandoli tutti sulle ruote posteriori con un’auto che pesa 3 tonnellate.
BMW Serie 2 e Serie 7 Individual
Interventi agli estremi della gamma: della piccola Serie 2 arriva la cabrio con tetto in tela che si apre in 20 secondi fino a 50 km/h mentre per a limousine ci sarà il modello di fine serie, realizzato dalla divisione che cura gli allestimenti a richiesta. Invariata la meccanica.
DS Devine
Anche di questa ho già detto. Una concept pura che difficilmente avrà esito.
Fiat 500X
E’ la versione europea della Jeep Renegade, un prodotto della sinergia transatlantica della FCA. Il corpo deriva ovviamente da quello della 500L e l’auto dovrebbe essere costruita a Melfi con meccaniche analoghe.
Ferrari 458 VS Spider
E’ l’ultima di cui ho parlato, tutte le notizie le trovate qui.
Ford S-Max
Seconda versione della monovolume di tono sportivo Usa; nuova piattaforma, sette posti con ripiegamento elettrico (quelli dietro) e ampio spazio ai gadget come apertura senza mani del portellone e sedile con massaggio incorporato, oltre a roba un po’ più spessa come il parcheggio automatico e i sistemi di assistenza alla guida. I motori sono gli stessi, quelli attuali, ma verrà offerta anche la trazione integrale.
Infiniti Q80
Novità vera (c’è solo il teaser), è la concept che potrebbe esere una berlina-coupé (tipo CLS) oppure una coupé a due porte. Mistero su struttura e parte motrice; di certo si sa che si colloca ai piani alti e quindi ci saranno motori potenti.
Jaguar XE
Non è più una novità, ma rimane un’auto importante per il marchio, dato che su di essa si punta per allargare la fascia di mercato. Ne ho parlato.
Lamborghini
Anche qui nessuna anticipazione, ma sembra decisamente un’operazione del tipo Aston Martin Rapide; sono quindi possibili le 4 porte. Dubbio: vista la mania delle sinergie articolate del gruppo, non useranno mica la scocca di una Panamera?

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

La prossima R di VW

La svolta elettrica del marchio tedesco non lascerà indietro i modelli sportivi: la concept ID.X potrebbe sostituire la Golf R. Ralph Brandstätter, ad di VW,

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli