Vista e stampata

Le stampanti 3D, quelle capaci di realizzare pezzi tridimensionali, sono il leitmotiv del momento. Poteva l’automobile sottrarsi? Domanda retorica; ci ha pensato la Local Motors a rispondere, con la sua Strati, prima auto al mondo stampata direttamente da un computer e presentata all’International Manufacturing Show di Chicago, il salone delle macchine per la produzione. Si tratta di un veicolo elettrico con autonomia di 97 km e velocità massima di 80 km/h, che impiega le parti meccaniche di una Renault Twizy. Ovviamente oggetto dello stampaggio è soltanto la scocca realizzata in resina: tutto il resto viene invece assemblato in maniera tradizionale. La stampante impiega 44 ore per portare a termine il suo compito, ma secondo il piano di sviluppo questo tempo sarà presto ridotto a 24 ore. Local Motors è un’azienda molto creativa che realizza progetti innovativi nel campo della mobilità ad ampio spettro e che ha aperto un canale di comunicazione open source per raccogliere idee e soluzioni per il futuro. Attualmente non ci sono ancora dati sulle caratteristiche strutturali della Strati, quali la sua resistenza agli impatti e agli agenti atmosferici; in effetti la legislazione Usa è assai più permissiva di quella nostrana a riguardo. Comunque la vettura è prevista per un inizio di produzione nel 2015, con una forbice di prezzo tra 14.000 e 24.000 €. Dove? Beh, basta trovare un posto per la stampante!

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Proiettare lo specchietto

E’ sostanzialmente questo l’argomento di un brevetto BMW, che intende superare in chiave high tech il vecchio retrovisore esterno. L’evoluzione tecnologica dell’automobile ha determinato grandi

Leggi Tutto »

Metti la ricarica in corsia

Basandosi sulla tecnologia wireless, un progetto americano prevede la realizzazione di apposite corsie autostradali per la ricarica in movimento. Nonostante i progressi nella tecnologia degli

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli