Buttiamola sul fisico

In occasione della conferenza tenutasi al GP di Monza, la settimana scorsa, l’ad di FCA Marchionne ha rilasciato un’intervista alla Reuters nella quale ha (ri)lanciato l’ipotesi di una fusione con la General Motors. Secondo il boss è questa la migliore evoluzione strategica possibile per entrambe le società; GM rimane il partner ideale e quella di FCA rappresenta di fatto una proposta con poche alternative per il grande marchio Usa. E’ seguito poi, a fronte di una domanda sulla veridicità di una offerta “ostile” nei confronti di GM, un curioso approccio da wrestler all’alta finanza: “Ci sono vari livelli di “abbraccio” (inteso ovviamente come joint venture), piacevoli, tenaci, come un orso; ma tutto comincia sempre attraverso un contatto fisico”. Confermato inoltre lo spin off di Ferrari, che dovrebbe fruttare una cifra attorno agli 11 miliardi. Insomma la parabola del gruppo un tempo italiano non è ancora conclusa e potrebbe terminare con un rilancio tutto a stelle e striscie; una sorta di ripresa dell’epopea italiana in America degli inizi del secolo scorso, in un certo senso, ma che toglierebbe definitivamente ogni carattere specifico ai prodotti del brand, Saab docet.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli