Piano con il gas!

Questo video si potrebbe attribuire alla serie se te se minga bun, milanese per “se non sei capace”, di cui ho già trattato parecchio (http://auto-thrill.blogspot.it/2014/02/va-piano-se-non-sei-capace.html; http://auto-thrill.blogspot.it/2014/06/la-prima.html; http://auto-thrill.blogspot.it/2014/12/valet-crash.html; http://auto-thrill.blogspot.it/2015/05/volere-non-sempre-e-potere.html). Qui però è stato colto dall’ungherese Gabor Grubits proprio il momento del crash, anche se con un telefono di scarsa qualità. Oggetto della ripresa una Ferrari Laferrari, tanto rara (499 in totale) quanto costosa, che in quel di Budapest, alla guida di un facoltoso imbranato riesce a schiantarsi contro alcune auto in sosta a causa di una sgommata in accelerazione sul dritto e neanche da fermo. L’auto era appena uscita da una concessionaria, forse per in giro di prova e altrettanto forse l’emozione ha giocato un brutto scherzo al guidatore, che subito dopo l’incidente si affrettato come prima azione coerente a togliere le targhe, con ogni probabilità per non essere individuato o sbeffeggiato sul web. Ma secondo voi se lo merita, no? Ah, l’auto della foto è quella schiantata a Monaco nel 2014, prima delle quattro (comprendendo quella ungherese) mancanti a oggi.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

La Mini si evolve

A vent’anni dal lancio della prima Mini “moderna”, sta per arrivare la terza generazione arricchita nella dotazione e nei contenuti L’edizione “moderna” della Mini compie

Leggi Tutto »

Aria nuova

Per la Citroën C4 tempo di cambiamenti. Look più curato e elegante e introduzione dell’immancabile versione elettrica In questi giorni Citroën presenta sul nostro mercato

Leggi Tutto »

Takata: ci risiamo

Tre milioni di veicoli richiamati in America per un possibile malfunzionamento degli airbag Takata coinvolti per l’ennesima volta in difetti di fabbricazione. A farne le

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli