A Detroit il gap si allarga

Ci sono novità al salone Usa, poche a dire il vero interessanti per l’Europa, però. a riprova della diversa velocità delle due economie. In ogni caso tre continenti si confrontano anche con modelli innovativi che inseguono diverse filosofie. Per il Vecchio Continente Audi sta di qua e di là delle barricate con una rinnovata A4 Allroad (quindi veicolo tradizionale seppur avventuroso) e la Suv h-tron quattro a idrogeno dotata di due motori elettrici per 315 cavalli complessivi e di un innovativo tipo di fuel cell capace di funzionare tra i -28 e i 95°C in accoppiata a un buffer al litio da 1,8 kWh posto sotto il pianale posteriore. 600 i km di autonomia con un pieno che si fa in soli 4 minuti: dove farlo però è da vedersi. Entro il 2020, comunque, secondo Audi. Il gruppo insiste sull’elettrico anche con la VW Tiguan GTE Active Concept ibrida con motore a benzina da 150 CV e due elettrici da 40 e 85 kW. Mercedes porta la nuova Classe E, con il nuovo look delle C e S, BMW la X4 M40i, Porsche le 911 Turbo e Turbo S. Passando ai jap  (stessi colori, linee sovrapponibili), Lexus fa debuttare il cambio a 10 rapporti sulla LC500 con il V8 di 5 litri, Infiniti la Q60 coupé con un V6 di 3 litri da 400 CV. Ma anche gli americani non scherzano: la Buick Avista vuol fare concorrenza alla M4 (ma non c’era già la Cadillac in Casa GM?) con il suo V6 biturbo 3 litri da 400 CV e una linea oggettivamente molto accattivante, mentre la più pragmatica Ford rilancia una versione alleggerita del suo tre cilindri turbo di un litro da un canto e porta l’ennesima GT (stavolta bianca) a un salone; speriamo di vedere la prossima su strada. Interessante notare le diverse strade intraprese dai marchi luxury Usa: mentre Cadillac segue il filone delle grandi potenze, Lincoln rilancia il nome Continental con un’altra auto semplicemente deprimente, che in più somiglia parecchio a una Dodge Charger, auto decisamente più cheap rispetto alle ambizioni di quello che è stato per lungo tempo il brand dell‘establishment americano. 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli