Consegnate le prime Model 3

Tesla ha mantenuto le sue promesse commerciali e venerdì sono state consegnate le prime 30 Model 3. E contemporaneamente sono state finalmente diramate le specifiche della produzione: due modelli per la fase iniziale, la base e la Long Range, che si differenziano (anche), come dice il nome, per l’autonomia consentita nel secondo modello dalla maggiore capacità del pacco batterie, 515 km contro 354. Il prezzo negli Usa è di 35.000 $ per la base e di 44.000 per la L.R.; le prestazioni, rispettivamente, una V max di 209 km/h e uno 0-60 mph (96 km/h) in 5.6 s e 225 km/h e 5,1 s. Quindi a maggiore capacità (e pure maggior prezzo) maggiori prestazioni, una scelta un po’ vecchio stile per Tesla. Le Model 3 per ora sono tutte a trazione posteriore con un singolo motore; in futuro ci saranno però anche quelle con doppia motorizzazione a trazione integrale. L’interno è piuttosto “dimesso”, fatta eccezione per lo schermo da 15 pollici touch che aziona praticamente ogni cosa, ma pagando 5.000 dollari in più c’è un allestimento lusso come selleria in pelle e sedili maggiormente regolabili. L’equipaggiamento standard comprende comunque navigatore e connessione internet, oltre alla struttura base dell’Autopilot, che con altri 5.000 $ diventa più “capace” e con ulteriori 3.000 $ diventa del tutto autonomo. Un bel salasso per far divertire il computer. 4 anni di garanzia sull’auto e 8 sulla batteria. I primi 30 clienti sono stati molto fortunati (amici?): in agosto verranno costruite solo altre 100 auto, 1.500 per settembre e un totale di 20.000 per fine anno. Quindi gli altri 380.000 clienti in attesa che hanno pagato la prenotazione dovranno attendere l’anno prossimo o meglio la fine del 2018, dato che Tesla prevede una produzione di 500.000 auto comprendendo S e X. Comunque, non perché sia un nostalgico delle mascherine, ma lasciatemi dire che il frontale piatto della Model 3 è decisamente brutto: mi domando come non abbiano trovato una soluzione stilistica decente all’assenza della griglia.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Ma perché?

La scelta del nome di un’auto è sempre un’operazione complessa, deve avere un senso in parecchie lingue, dev’essere facile da ricordare, non deve ricondurre a

Leggi Tutto »

Dopo lo sport, il lusso

Con la presentazione della nuova Maybach Mercedes rinforza ulteriormente la sua presenza nei segmenti top di gamma, nell’ottica di concentrarsi sul nuovo concetto di lusso.

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli