L’occhio del fisco sulle elettriche

Ancora sull’elettrico, ma stavolta riguardo un evento che avevo peraltro largamente previsto. In California, a Palo Alto per la precisione, dal prossimo 1° agosto si pagherà una tassa aggiuntiva sulle ricariche di auto elettriche. Fa specie che la prima di questa prevedibile individuazione da parte della fiscalità di una nuova fonte di introito avvenga proprio nella località ove ha sede la Tesla e forse la coincidenza è dovuta al lancio della Model 3 con le sue ampie aspettative di vendita, ma il fatto è che c’è stata una prima volta, la pratica è stata sdoganata. Ora dobbiamo aspettarci una discesa a pioggia un po’ dappertutto, con più o meno sviluppate punte di ingordigia da parte delle diverse amministrazioni. Sulla West Coast la tassa si limita a 0,23 $/kWh, decisamente poco in assoluto meno di 10$ per una percorrenza di 100.000 km circa, ma è il concetto che conta. Per ciò che riguarda i futuri automobilisti elettrici (diciamo) low cost della Model 3, inoltre, ci sarà pure da pagare la fattura della corrente utilizzata, il cui costo per i più ricchi possessori di Model S e Model X viene assunto da Tesla. Per essere realisti, comunque, non si può pensare che a fronte del calo di vendite dei carburanti tradizionali, per ora futuribile ma possibile, i diversi governi rinuncino tout court a un cospicuo introito di cash senza prevedere una alternativa. E calando il discorso in Italia, viste le abitudini, io starei molto attento nel valutare i reali costi futuri.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli