i30-la prima coreana tutta muscoli

La prima coreana tutta muscoli

Quasi sempre il marchio influenza parecchio nella scelta di una vettura. Così associamo la nazionalità a una caratteristica ben precisa: “tedesca” equivale a qualità, “giapponese” ad affidabilità e così via… Bene, ora alle auto di provenienza coreana possiamo finalmente aggiungere il termine sportivo. In particolare per un modello preciso che incarna alla perfezione questo concetto. autothrill ha testato la Hyundai I30N, il primo tentativo di questo marchio di farsi largo nel mercato delle hot hatch. L’esperienza nel mondo delle corse sembra aver dato buoni frutti e bastano pochi chilometri per capire che Hyundai ha centrato in pieno l’obiettivo.

Cosa è piaciuto di più? Al primo posto il telaio, rigido e preciso al pari dello sterzo, molto comunicativo e diretto. Un abbinamento perfetto per gli amanti della guida più dinamica. Poi i freni, instancabili anche nelle condizioni d’uso più esasperate, con una resistenza alla fatica non comune tra le vetture di questa categoria. Senza trascurare il cambio, rigorosamente manuale a innesti ravvicinati e con una manovrabilità commovente. Last but not least, il quattro cilindri sovralimentato da 2 litri: dalle sue viscere si sprigionano 250 CV veri, cattivi e adrenalinici. Da sottolineare che per il nostro mercato questa potenza significa non pagare il superbollo: a listino esiste comunque anche la “Performance” da 275 CV con barre di torsione specifiche per un utilizzo pistaiolo. La I30N è insomma una hot hatch con i fiocchi che puoi personalizzare a piacimento grazie alle quattro mappature a disposizione, dalla “normale” fino alla “N” che in casa Hyundai significa il massimo delle prestazione e l’esclusione dei controlli elettronici. Ultimo plus il prezzo: 32.000 euro comprensivi di 5 anni di garanzia con chilometraggio illimitato. Cosa aggiungere? Nulla se non che per chi cerca una sportiva autentica per il puro piacere di guida e non si cura eccessivamente delle mode temporanee, la I30N è l’auto ideale.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli