Un 6 come si deve sulle 718

Le Porsche sono costruite bene, con qualità eccellente e soluzioni tecniche d’avanguardia, lo sappiamo. Ma l’avvitarsi sulla tecnica a volte dà alla testa e così diventano di serie soluzioni sì razionali, ma che non tengono conto delle dinamiche della passione e delle emozioni. E’ il caso del 4 boxer delle Cayman e Boxster, un ottimo motore, parco e prestazionale, ma che non regge il confronto con i flat 6 precedenti, fatta eccezione per l’esclusiva GT4 Clubsport. Ma, attenti come sono al marketing da quelle parti, non potevano continuare a far finta di nulla. Così ecco le nuove 718 Spyder e 718 Cayman GT4, ri-dotate finalmente di un bel 6 cilindri, un 4 litri aspirato derivato dal recente 3 litri turbo della 911 che eroga 420 cavalli e una coppia massima di 420 Nm tra 5.000 e 6.800 giri. Il propulsore, per la gioia dei puristi, è accoppiato esclusivamente a un cambio manuale a 6 marce con doppietta automatica in scalata e ha un regime massimo di 8.000 giri, ma dispone anche della deattivazione di un cilindro per bancata a carichi ridotti per ridurre consumi ed emissioni (9,2 km/litro in media, NEDC). Grazie al nuovo motore la Spyder varca la barriera dei 300 orari: per la precisione 301, mentre la più aerodinamica Cayman raggiunge i 304; per entrambe lo 0-100 si copre in 4,4 secondi. La consueta attenzione all’aerodinamica si concretizza nel nuovo spoiler, fisso nella Cayman e a uscita automatica a 120 km/h sulla Spyder, che a 200 orari genera il 20% in più di carico aerodinamico, 12 kg, sul retrotreno. Lo chassis, lo sappiamo, è nato bene, con i pesi al posto giusto: ora all’assetto ribassato di 30 mmm si associano un differenziale autobloccante meccanico posteriore e il torque vectroring, che rendono le due vetture armi micidiali in pista, al Ring infatti il tempo è sceso di 10 secondi. Per chi poi voglia cimentarsi direttamente nei track days, ecco un pacchetto Clubsport che include un roll bar posteriore in acciaio, un estintore a mano e una cintura di sicurezza a sei punti sul lato del guidatore. Ce l’avete un centone sul conto? Tranquilli, vi restano anche i soldi per il primo viaggio ventre a terra.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Ma perché?

La scelta del nome di un’auto è sempre un’operazione complessa, deve avere un senso in parecchie lingue, dev’essere facile da ricordare, non deve ricondurre a

Leggi Tutto »

Dopo lo sport, il lusso

Con la presentazione della nuova Maybach Mercedes rinforza ulteriormente la sua presenza nei segmenti top di gamma, nell’ottica di concentrarsi sul nuovo concetto di lusso.

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli