Mega crisi o mega guadagni?

Alzi la mano chi ha capito quando lo UK se ne andrà dalla UE. Tra governi caduti, possibili ulteriori referendum ed enormi questioni economiche ancora in ballo, la Brexit non è ancora all’orizzonte. Ma se almeno l’antico spirito brit non è andato perduto, una decisione presa dal parlamento (su referendum) da quelle parti si rispetta e pur con rinvii e acrimonie, il distacco avverrà. Dal coro di istituti bancari, società di trading e aziende produttive che stanno esaminando con attenzione lo status per decidere se, quando e come andarsene dal suolo del Regno Unito, sorge però una voce in counterpoint, quella di Rawdon Glover direttore vendite di Jaguar-Land Rover in loco. Secondo il nostro l’uscita del paese dall’Europa sarà un vantaggio per l’azienda, poiché a suo parere il costo della mano d’opera potrebbe addirittura scendere, rendendo così il territorio inglese sede attraente per le manifatture. Un’opinione senza dubbio carica di ioni positivi ma d’altronde poco supportata da statistiche e analisi, tanto che l’ad Ralf Speth ritiene possibile un aggravio di costi di 60 milioni di sterline al giorno in caso di Brexit no-deal, il caso peggiore che tuttavia sembra sempre più inevitabile. Se aggiungiamo al conto i 4.500 licenziandi dal gruppo, si direbbe che Glover abbia davvero una odd opinion. Che sappia qualcosa che l’ad non sa?

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Orizzonte variabile

Il mercato asiatico potrebbe divenire meno promettente in termini di business, con i costruttori che navigano a vista tra riduzione di costi e ricerca del

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli