Richiamo Opel

Secondo un’indiscrezione del periodico tedesco Bild am Sonntag, subito dopo confermata da un portavoce di Opel, la Casa tedesca sta per procedere al richiamo di 210.000 veicoli Adam e Corsa costruiti tra il 2018 e il 2019. Nelle note si parla solo di esemplari a benzina e il motivo del richiamo sarebbe legato a emissioni di ossido di azoto ben al di là del consentito. Un’anomalia confermata, come detto, dalla stessa Opel, che avrebbe riscontrato emissioni superiori alla norma specialmente alle velocità più elevate e particolarmente sui veicoli che hanno percorrenze superiori a 50.000 chilometri. Ecco perché Opel già due mesi fa ha iniziato ad informare i clienti degli esemplari coinvolti, per effettuare l’aggiornamento del software presso le officine autorizzate. Questo è quanto; resta solo da capire, eventualmente, quanti di questi esemplari siano stati venduti in Italia. Vi terremo informati, certi dell’onestà e della totale trasparenza di un marchio del calibro di Opel.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Proiettare lo specchietto

E’ sostanzialmente questo l’argomento di un brevetto BMW, che intende superare in chiave high tech il vecchio retrovisore esterno. L’evoluzione tecnologica dell’automobile ha determinato grandi

Leggi Tutto »

Metti la ricarica in corsia

Basandosi sulla tecnologia wireless, un progetto americano prevede la realizzazione di apposite corsie autostradali per la ricarica in movimento. Nonostante i progressi nella tecnologia degli

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli