Metti le elettriche in India

Il virus elettrico si espande. E poiché come l’aviaria viene dall’Oriente (leggi Cina), nel suo muoversi verso l’Europa non può non lasciare segni nella vicina India, che a dispetto di un’economia caratterizzata da enormi differenze sociali, muove i primi passi nel settore. Così il governo ha ridotto l’iva dal 12% al 5% sulle auto elettriche e istituito incentivi fiscali su acquisti e leasing. Come ovunque nel mondo però, il vero problema sta nella ricarica, intesa come hardware e, soprattutto, infrastruttura. Creare quest’ultima in un Paese dove larga parte della popolazione cucina ancora sui fornelli a carbone e il carburante preferito è il gasolio (per la sua migliore resa chilometrica) non è però facile; qualche azienda si sta però attrezzando per installare centraline e cogliere i vantaggi degli incentivi. E’ il caso della Magenta Power, che ha intenzione di attrezzare il corridoio Mumbai-Pune entro il 2020. Se però il problema del costo dei veicoli elettrici è sensibile dalle nostre parti, non può che esserlo ancor più in India, dove a fronte di un’ampia classe media la platea degli indigenti è enorme e dove le elettriche potrebbero diventare principalmente simboli da esibire tra le stelle di Bollywood. Qualcosa di assai diverso dagli intendimenti del governo, che nel mood del suo anelito high tech, scandito dalla missione spaziale verso la luna (di cui però è appena fallito il primo lancio) e dai servizi pubblici innovativi, vorrebbe cambiare il volto del Paese. La strada è lunga e irta di difficoltà, lo sappiamo bene. Ma la questione chiave è la verifica della sua sostenibilità, tanto ambientale quanto economica.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

L’elettrica AMG

Un teaser AMG accende la miccia del reveal della Vision, la cui presentazione avverrà il prossimo 19 maggio. Il futuro  di AMG è segnato. Sì,

Leggi Tutto »

Chi toglie, chi aggiunge

Crisi, pandemia, guerra. Sono tanti i fattori che contribuiscono alle difficoltà di approvigionamento. Con qualche stranezza della logistica, pare. Curioso come uno stesso componente, pur

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli