Un’altra elettrica prende fuoco. E’ un’epidemia?

Una vettura “riposa” tranquilla nel garage di casa, il proprietario si rilassa sorseggiando una bibita in soggiorno. Poi all’improvviso dal box esce una densa nube nera, parte del garage prende fuoco e subito dopo l’auto esplode richiamando l’attenzione dei vicini, dei Vigili del Fuoco e della polizia. Insomma un disastro che per fortuna non ha causato feriti ma solo un bel po’ di danni.

E’ successo lo scorso weekend a Montreal in Canada e l’auto in questione era una Hyundai Kona elettrica. Al momento le autorità e la stessa Hyundai stanno indagando per capire cosa possa essere successo ed è perciò impossibile azzardare qualsiasi ipotesi, certo è che negli ultimi mesi incidenti di questo tipo sono in aumento. E guardacaso le vetture coinvolte, a prescindere dal marchio, sono tutte full electric e se molti assicurano che le probabilità che un’auto elettrica prenda fuoco, sono più o meno le stesse di un modello a benzina, è innegabile che il litio (presente in grande quantità nelle batterie) sia un minerale decisamente sensibile e con un pessimo carattere. Al punto che domare un incendio in presenza di litio può essere estremamente problematico. Dunque? Non resta che attendere il responso delle indagini, così come il report della Hyundai che lavorerà nella più totale trasparenza perché, si legge in una nota diffusa dalla Casa coreana, la sicurezza dei suoi clienti è una priorità fondamentale. D’altra parte non si può non esprimere qualche perplessità su questa piccola “epidemia” che sembra contagiare le vetture full electric.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Cattive dentro

Una presentazione eccezionale con tre vetture che rappresentano il top della sportività di fascia media. Sono le nuove BMW M3, M4 e M4 Cabriolet. Ormai

Leggi Tutto »

Autonome, non sicure

Le automobili self driving non rappresentano come molti sostengono il toccasana della sicurezza. Lo prova un’indagine dell’ENISA. ENISA sta per European Union Agency for Cybersecurity,

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli