Niente più station marchiate M

I tedeschi ci hanno abituato alle station wagon cattive. Quando Audi fece nascere la sigla RennSport, lo fece con la RS2, station su base Audi 80 realizzata dalla Porsche; era il 1994. Certo c’entrava la passione di Piëch per le sfide high tech (il 5 cilindri era una sua creatura), ma di fatto venne aperta una strada, percorsa poi anche da Mercedes e BMW. Ma la comune tradizione teutone si interrompe qui. Mentre Audi ha appena lanciato la nuova RS6 Avant, BMW dichiara che non ci saranno in futuro auto della gamma M con carrozzeria familiare; solo Suv vitaminizzati quindi nel futuro prestazionale dell’Elica Azzurra. Markus Flasch, boss della M ha dichiarato infatti che le wagon non fanno più parte dei piani di Monaco e, pur conscio che per i mercati dell’area germanica esista una richiesta in tal senso, le elaborazioni sportive saranno riservate alle varie X. Un controsenso dinamico, visti il baricentro alto e la sola apparenza di una maggior capacità di carico rispetto a una station. Ma il mercato comanda e le Case seguono. O almeno così si dice.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Ma perché?

La scelta del nome di un’auto è sempre un’operazione complessa, deve avere un senso in parecchie lingue, dev’essere facile da ricordare, non deve ricondurre a

Leggi Tutto »

Dopo lo sport, il lusso

Con la presentazione della nuova Maybach Mercedes rinforza ulteriormente la sua presenza nei segmenti top di gamma, nell’ottica di concentrarsi sul nuovo concetto di lusso.

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli