So long Dyson!

Ne ho parlato più volte e sembrava una sorta di imprinting della new age dell’automobile: l’ingresso dei produttori di elettrodomestici nell’automotive, ergo James Dyson e la sua auto elettrica.
Beh, nulla, abbiamo scherzato. Dyson ha ufficialmente chiuso ieri il suo programma di sviluppo. L’annuncio è stato fatto direttamente dal tycoon che ha ammesso la débacle dell’intero progetto pur riconoscendone innovatività e brillantezza delle soluzioni; non è stato possibile trovare una via remunerativa per realizzare l’automobile, dato che (e questo si apprende solo ora) nessuno dei possibili acquirenti/realizzatori cui l’idea è stata offerta si è fatto avanti per industrializzare la Dyson car. Ne consegue che il progetto da oltre 3 miliardi di euro verrà abbandonato e resta da vedere a quanto ammonteranno le perdite, sicuramente consistenti. Dyson ha lasciato comunque una porta aperta, affermando che è disposto a mettere sul mercato i risultati degli studi e dei progetti portati avanti nel campo di motori e accumulatori con eventuali licenze di produzione, ma si tratta di pure ipotesi.
Le stesse ipotesi che attendono a livello occupazionale molti dei 500 addetti assunti per la startup, la maggior parte dei quali si trova in Gran Bretagna e non ha a propria disposizione un terreno fertile visto l’incombere della Brexit a fine mese.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Proiettile ecologico

Dalla giapponese Aspark arriva l’ultima follia elettrica. E’ la Owl da 2.000 CV per uno 0-100 in 1,7 secondi e 400 km/h di velocità. Il prezzo? Circa tre milioni di euro

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli