Volkswagen Showcar ID. SPACE VIZZION

La passat Usa sarà elettrica

Il mercato Usa, si sa, è diverso da quello europeo; diverso nelle richieste degli automobilisti, diverso nell’offerta delle Case. Qualche volta, però, accade che uno stesso modello abbia successo da entrambi i lati dell’Atlantico.
E’ il caso della VW Passat, vettura che segue la Golf nel gradimento della clientela nel Vecchio Continente, che anche gli yankee apprezzano. O per meglio dire apprezzavano.

Già, perché le vendite che nel 2012 erano sopra le 100.000 unità annue sono scese l’anno scorso a poco più di 14.000. VW perciò intende correre ai ripari, ma lo fa nella sua nuova chiave elettrica.
Quindi ci sono ottime probabilità che la prossima Passat derivi direttamente dalla ID. Space Vizzion vista all’ultimo salone di Los Angeles, la cui produzione dovrebbe iniziare nel 2022.

Un’elettrica non troppo ardita nelle linee ma assai simile invece alla attuale station di punta del gruppo, realizzata sulla piattaforma MEB con batterie al litio per un’autonomia prevista con il ciclo EPA di 480 km e un tempo di ricarica del pacco accumulatori da 82 kWh all’80% in 30 minuti se ci si collega a una colonnina ad alta intensità.

Lunga 4,96 m, la vettura è estremamente curata nell’aerodinamica, con un Cx di 0,24. La motorizzazione elettrica consente infatti di evitare prese d’aria convenzionali e così il profilo è filante, con canalizzazioni passanti che partono dalla zona anteriore e assenza di maniglie per le porte, sostituite da sensori e attuatori elettrici.
Anche i cerchi da 22 pollici sono montati a filo carrozzeria, per ridurre le perdite aerodinamiche. Tutto molto interessante ma in un certo senso abbastanza superfluo, visto che la velocità massima è prevista in 175 km/h.
Considerate le velocità consentite in Usa, peraltro, anche viaggiare con un cubo non farebbe molta differenza.

Dentro un ambiente minimalista ma ricercato, con 4 sedili singoli e finiture in pelle artificiale. Uno schermo centrale da 15,6″, uno secondario di minori dimensioni e lo head-up display con realtà aumentata danno tutte le info relative a guida e connessioni, mentre il sistema di illuminazione interno svolge anche funzioni legate al benessere ambientale, accogliendo gli occupanti all’ingresso in auto fornendo poi info su ricarica e altre funzioni.

Il vano bagagli ha una capienza di 586 litri e reca aggianciati alla superficie superiore due monopattini elettrici ripiegabili, omaggio al mood della micromobilità.

Ovviamente la Passat di serie rinuncerà ad alcune features del modello da salone, ma i fondamentali della vettura saranno questi, comprese le opzioni di potenza: una versione di ingresso da 275 CV a trazione posteriore e una 4Motion da 340, capace di uno 0-100 in 5,4 s.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

I fantasmi di Ginevra

Avrebbe dovuto essere il fiore all’occhiello di Bmw al Salone di Ginevra. La massima espressione tecnologica della Casa tedesca nel campo della mobilità di domani.

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli