EQC 400 4MATIC; hightechsilber metallic; Ledernachbildung ARTICO / Stoff Sunnyvale zweifarbig indigoblau / schwarz; (Stromverbrauch kombiniert: 20,8 – 19,7 kWh/100 km; CO2-Emissionen kombiniert: 0 g/km) //

EQC 400 4MATIC; high tech silver metallic; Two-tone ARTICO man-made leather  / Sunnyvale fabric indigo blue / black; (combined electric energy consumption: 20.8 - 19.7 kWh/100 km; combined CO2 emissions: 0 g/km)


Il prezzo del progresso?

Bmw i3

Anche se la loro diffusione procede a rilento, le auto elettriche (o le ibride plug-in con presa di ricarica esterna) sono sempre più al centro dell’attenzione generale. Quello che per ora è molto meno chiaro è in che modo potremo utilizzare queste nuove silenziose compagne di viaggio: in altri termini dove faremo rifornimento e, soprattutto, quanto ci costerà una ricarica?

E in questo caso, va detto, le cose si complicano parecchio perché in Italia la diffusione delle colonnine procede a rilento, così come i piani tariffari più che far chiarezza spesso complicano la situazione.

Ma andiamo con ordine. Innanzitutto le reti di ricarica sono gestite da diversi player. I più importanti sono Enel X, A2A (solo in Lombardia), Hera (in Emilia Romagna) e Silfi (nella zona di Firenze). A questi si devono sommare punti di ricarica offerti da strutture private, come nel caso di Ikea (25 punti vendita in Italia), dei concessionari quelli ovviamente dotati di colonnine e della rete Tesla con punti di ricarica “normale” e supercharger per le ricariche veloci.


Costi delle ricariche. Beh, anche in questo caso non è facile orientarsi. Molto schematicamente i costi a consumo variano da 0,40 a 0,50 euro per kWh. In più ogni fornitore presente sul territorio nazionale (o parte del territorio) applica tariffe differenziate personalizzabili. Poi ci sono le cosiddette ricariche domestiche (circa 20 centesimi a kWh) che funzionano sia con le normali prese di corrente sia con le wall box (fino a 22 kW): queste ultime hanno mediamente costi elevati.

Difficile, anche in questo caso, fornire indicazioni precise poiché i prezzi variano in funzione di vari parametri, comprese le tante agevolazioni che i costruttori applicano per incentivare le vendite.

Questo, sinteticamente, è quanto sta accadendo oggi in Italia: d’altra parte è giusto aggiungere che ogni cambiamento ha bisogno di tempo per crescere e radicarsi nel territorio e nella mentalità delle persone. Diamo insomma all’elettrico il tempo di maturare sotto ogni punto di vista.

Bakersfield CA – December 18 2017: Tesla Supercharging Station at Tejon Ranch. Tesla Supercharger stations allow Tesla cars to be fast charged at the network within an hour.

Al momento però almeno una certezza l’abbiamo: l’auto elettrica sarà ecologica, ma certo non economica. O almeno non così economica come qualcuno vorrebbe farci credere. Perché, a parte i costi spesso proibitivi di queste auto, a parte i problemi di diffusione delle colonnine, stiamo pian piano scoprendo che le elettriche (specie quelle più grandi e lussuose) hanno costi di utilizzo tutt’altro che trascurabili. Il lusso insomma ha un prezzo. Ma non è sempre stato così?

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Le due facce della medaglia

Da un lato il salone di Monaco, celebrazione in pectore della transizione dell’automobile verso l’elettrodomestico, dall’altro l’inossidabile Morgan, che va avanti con una nuova edizione

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli