MyMi - dispositivo anti-abbandono 01 (1)

Ricordati di me

Quando ero piccolo, eoni fa, c’erano le calamite da attaccare al cruscotto con questa scritta, nelle varianti “sii prudente” come nella foto, o ancora “pensa a noi” e posto per una piccola foto.
Ci si metteva quella della moglie, del marito o più spesso quella della prole. Tralascio un commento sul fatto che la plancia fosse, quantomeno in parte, di metallo, micidiale dunque in caso di incidente, ma il mettere in vista quella sorta di memento era un mero gadget; nessuno si dimenticava della propria famiglia, a meno che non fosse per un preciso intento.

Oggi le cose sono diverse. Capita che qualcuno si dimentichi un bimbo molto piccolo in auto, magari in una calda giornata estiva e le cronache riportano tristemente di più di un caso con esito fatale.
Ecco perché da novembre 2019 si è corsi ai ripari con un decreto ministeriale, il numero 122/19, che ha reso obbligatori i dispositivi anti-abbandono per chi viaggia in auto con bambini sino a 4 anni.

MyMi è il più recente, un semplice cuscino da porre sul seggiolino senza dover adattare, modificare o sostituire quest’ultimo.
Realizzato dalla startup milanese bluon, il sistema è composto dal cuscino stesso e da un portachiavi ricevitore radio-collegato, per il quale non occorre alcuna particolare connessione telefonica. Al primo utilizzo occorre solo accoppiare cuscino e ricevitore/portachiavi, poi è fatta.

Quando si colloca il bimbo sul sedile un sensore di peso con taratura minima a 2,5 kg fa emettere un bip prolungato al cuscino, prova dell’avvenuto collegamento; se il bip diventa continuo indica invece l’assenza di matching. Nel caso si esca dalla vettura senza prelevare il piccolo, il portachiavi emette segnali acustici e visivi, evitando così situazioni di pericolo.

Sono disponibili app specifiche per Android, iOS e Apple Watch mediante le quali si possono avvertire tramite specifici allarmi acustici e visivi sullo smartphone tutte le persone che occorre informare; il servizio è completamente gratuito.
Sia il cuscino sia il portachiavi sono alimentati con comuni batterie a bottone facilmente sostituibili, necessità quest’ultima segnalata da appositi specifici avvisi acustici specifici.
La tecnologia aiuta quindi, anche se sarebbe meglio non dimenticare mai i propri piccoli.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

VW vende Bugatti?

La notizia è clamorosa; VW starebbe per cedere alla Rimac il marchio Bugatti. Per risparmiare? Forse. Di sicuro è sempre più coinvolta nella rivoluzione “green”

Leggi Tutto »

GM lancia la sfida a Tesla

Nikola Corporation e GM firmano un accordo per la produzione di un pick up elettrico. E, in un secondo momento, di veicoli commerciali a zero emissioni. Nel mirino ovviamente c’è Tesla

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli