4senses_tavola_int

Muoversi domani

In un momento difficile come quello che stiamo attraversando, guardare avanti è la chiave per non soccombere a un presente oppressivo.
In ambito di mobilità ciò significa guardare con occhi nuovi a mezzi e strutture, integrando al meglio modifiche ambientali e comportamentali.
Proprio l’oggetto del Master in Transportation & Automobile design (TAD) del Politecnico di Milano, che ha già iniziato i corsi online e dal quale nel corso dei suoi dieci anni di vita è scaturita una serie di prototipi fortemente innovativi; ne vediamo alcuni.

crisalis-210-141

Progetti cinicamente concreti come la Anuri, auto anfibia per un pianeta in cui il livello dei mari sia salito e nelle città costiere occorra un mezzo versatile che all’occorrenza possa fungere anche da imbarcazione, o forse oggi meno attuali alla luce della riduzione di movimenti indotta dal virus come la Crisalis, costituita da una parte motrice e un abitacolo separati, quest’ultimo realizzato mediante due semigusci connessi da materiali a memoria di forma che ne riducono l’ingombro quando non è in uso.

Ma c’è anche il desiderio di fuga: con la Kimera, pensata per le smart cities del 2040 ecco un’auto che permette una fuga dalla guida autonoma controllata da intelligenze artificiali delle aree urbane verso gli spazi naturali ove occorrano doti off road e un abitacolo che funga anche da ricovero per la notte. Una sorta di veicolo da esplorazione per altri pianeti coniugato con esigenze molto terrestri.
E se in ambito urbano si potrà circolare solo con auto pubbliche o in sharing ecco VIZZi, realizzata su base VW, che prende spunto dalla panchina per un veicolo modulare dalla grande facilità di accesso.

Molti altri progetti mostrano creatività e scorci del futuro, nell’ottica di una collaborazione con le Case costruttrici che dopo l’iniziale partnership con il gruppo VW vede ora la comparsa di nuove collaborazioni, allo scopo di ampliare il campo di sviluppo dell’automobile e fornire così nuovi stimoli a un mondo in procinto di grandi cambiamenti.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

La crisi di Renault

Più passano le settimane e più ci si rende conto degli enormi danni che sta provocando la pandemia di coronavirus anche a livello economico. E pure Renault è ora alle prese con uno dei periodi più bui della sua lunghissima storia.

Leggi Tutto »

E se domani…

Batterie senza cobalto che durano oltre un decennio per auto parsimoniose che vanno piano e non emettono inquinanti. Dare un’occhiata all’universo parallelo potrebbe aiutarci a

Leggi Tutto »

Anche la Golf ha il fiato corto

Clamoroso: la nuovissima Golf 8 è già in promozione anche in Italia. Merito del coronavirus, certo, che ha sconvolto il mercato. Ma una piccola riflessione s’impone: e se non fosse più in cima alla lista desideri degli automobilisti?

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli