Clipboard01

Niente fumo nello Utah

In queste lunghe giornate a casa la TV fa compagnia e per noi appassionati di motori le trasmissioni del palinsesto di Discovery hanno spesso un posto di primo piano.
Tra le serie più esageratamente oltre c’è quella dei Diesel Brothers, che esalta le trasformazioni di David “Heavy D” Sparks, Joshua Stuart, Keaton Hoskins e “Diesel Dave” Kiley su vari tipi di truck e similari, rigorosamente Diesel e rigorosamente trasformati ed elaborati per fornire potenze super con scorciatoie devastanti riguardo i sistemi anti-inquinamento, prova ne siano le mostruose fumate nere allo scarico.

La giustizia della contea di Davis, nello Utah, dove ha sede l’officina dei nostri, li però trascinati in tribunale, contestando loro la violazione del Clean Air Act federale e delle specifiche leggi nazionali nello stesso ambito; l’esito è stata una multa di ben 851.451 dollari, cui potrebbero aggiungersi le spese legali della parte querelante, conteggiate in 1,2 milioni di dollari.
Il gruppo è stato dichiarato colpevole della rimozione dei filtri antiparticolato e dei sistemi di ricircolo dei gas di scarico sulle auto utilizzate per il programma televisivo, ma la vera sorpresa è stata la multa considerevole, così come alcune regole nominate dal tribunale che probabilmente renderanno d’ora in poi lo spettacolo meno emozionante da guardare.

Secondo il The Salt Lake Tribune, il giudice è rimasto sconvolto dalle riprese che mostrano fumate solide allo scarico, soprattutto perché da queste i Diesel Brothers traggono un profitto.
“Questi vantaggi economici”, ha spiegato nella sentenza, “si estendono ben oltre i profitti derivanti dalle pratiche vietate e hanno contribuito allo status degli imputati e alla leva economica usata per accumulare risorse e avviare nuove attività. ”

Dal canto loro, i Diesel Brothers hanno replicato sostenendo che le modifiche richieste per mantenere i motori entro i limiti imposti sono oggi ridicole; in più le loro elaborazioni hanno ottenuto congrui miglioramenti nella resa chilometrica e nella potenza delle unità trattate, incidentalmente proprio quello che la clientela vuole.
In più la corte non ha tenuto conto del fatto che per i loro mezzi la squadra impiega esclusivamente biocarburanti.

Nel video Heavy D mostra un truck regolarmente fornito di filtro antiparticolato che non fuma allo scarico e annuncia anche un prossimo passaggio alla tecnologia elettrica, che però porrebbe fine allo stesso concetto alla base del programma.
Negli Usa, comunque, le megamulte sono d’impatto, ma inevitabilmente si riducono enormemente con la catena dei ricorsi e finiscono con accordi stragiudiziali. Spero che anche per i nostri Brothers sia così.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

VW vende Bugatti?

La notizia è clamorosa; VW starebbe per cedere alla Rimac il marchio Bugatti. Per risparmiare? Forse. Di sicuro è sempre più coinvolta nella rivoluzione “green”

Leggi Tutto »

GM lancia la sfida a Tesla

Nikola Corporation e GM firmano un accordo per la produzione di un pick up elettrico. E, in un secondo momento, di veicoli commerciali a zero emissioni. Nel mirino ovviamente c’è Tesla

Leggi Tutto »

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli