frea

Da Hyundai una Profezia rétro

Dovevamo vederla a Ginevra, ma ultimamente butta male per i saloni. Così ecco il reveal online della Hyundai Prophecy.
Il nome sa di film horror anni ’80 (visto il periodo poi) ma le linee sono decisamente stunning come dicono gli yankee. La Prophecy è slanciata ed elegante, con linee che ricordano vari esempi del passato e del presente, ma armonizzate sapientemente per un effetto complessivo assai piacevole. Frontale un po’ Porsche, coda Tatra, fiancata MB CLS; un mix riuscito che si ispira, dichiarazione ufficiale del marchio, alle vetture anni ’20 e ’30.

Niente di vintage però nella struttura tecnica. La presenza dei gruppi ottici a pixel è già un indicatore: la Prophecy è un’auto elettrica che si basa sulla piattaforma E-GMP impiegata per la concept 45 del 2019, sviluppata per fornire maggiore spazio all’interno grazie alla minimizzazione dei volumi decidicati alle parti motrici.
L’esito è perciò quello di un abitacolo spazioso e confortevole dal pianale piatto, realizzato con materiali naturali e concepito per viaggi nel massimo relax, grazie alla (ça va sans dire) presenza di un sistema di guida autonoma che prevede quando in uso la retrazione del volante nella plancia.

Particolare attenzione è stata posta nel mantenimento nell’abitacolo di una elevata qualità dell’aria: un sistema filtrante automatico monitora in continuo la presenza di particolato e la mantiene entro limiti salutari, garantendo così l’effetto brezza montana all’ingresso in auto grazie al funzionamento anche a veicolo fermo.
Nessun dato tecnico per ora; d’altronde nemmeno l’abbiamo vista dal vivo. Quindi appuntamento a dopo covid 19.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Proiettile ecologico

Dalla giapponese Aspark arriva l’ultima follia elettrica. E’ la Owl da 2.000 CV per uno 0-100 in 1,7 secondi e 400 km/h di velocità. Il prezzo? Circa tre milioni di euro

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli