Scion-iQ-2012-1600-09

Ripartire dalle basi

In questo render Autothrill propone una super utilitaria, dai costi di acquisto e gestione molto contenuti. Oltre che ovviamente basse emissioni: ben al di sotto dei 90 g/km di CO2.

D’accordo, è solo un “semplice” render, una piccola provocazione. Una sorta di mini progetto per un futuro diverso.
E’ la proposta di Autothrill per le auto di domani, quella della fase post crisi. O meglio, ancora un’ipotesi su una delle tante strade che potrebbero essere percorse per le auto di domani. L’idea alla base di questa provocazione è semplice: “rispolverare” una fascia di mercato ormai scomparsa da anni.

Parlo delle utilitarie vere, quelle versioni basiche che a modo loro contribuirono in modo determinante alla crescita industriale dell’auto. Un esempio su tutti: la prima Fiat 500 che in meno di tre metri e mezzo offriva quattro posti a sedere e tantissima praticità.
Insomma ormai lo avrete capito: siamo convinti che la rinascita del mercato dell’auto in Italia, potrebbe passare anche attraverso una serie di proposte ultraeconomiche e ipercompatte che potrebbero interessare una larga fetta di potenziali clienti. Una considerazione banale e scontata finché si vuole, ma in linea con le previsioni drammaticamente al ribasso di questi periodi.

Naturalmente ultraeconomica non significa antica: l’utilitaria di Autothrill deve essere in grado di garantire sicurezza, efficienza e basse emissioni. Così potrebbe utilizzare un piccolo ibrido della tecnologia più recente e con emissioni ben al di sotto dei 90 g/km. Il tutto con una dotazione di sicurezza di primo livello. Quindi semplicità innanzitutto, essenziale e priva di qualsiasi componente superflua, se non la più moderna tecnologia di protezione e di assistenza alla guida.

In altri termini, osservando il render l’auto NON ha forme complesse: quindi non necessitano di stampi costosi. Inoltre vengono adottate le soluzioni più economiche, come nel caso delle maniglie di apertura delle portiere, i cerchi non sono in lega e i gruppi ottici sono quelli più semplici disponibili sul mercato. Cosa ne pensate? Ci piacerebbe molto ricevere suggerimenti, consigli e idee. Anche per sviluppare gli interni…..

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

La crisi di Renault

Più passano le settimane e più ci si rende conto degli enormi danni che sta provocando la pandemia di coronavirus anche a livello economico. E pure Renault è ora alle prese con uno dei periodi più bui della sua lunghissima storia.

Leggi Tutto »

E se domani…

Batterie senza cobalto che durano oltre un decennio per auto parsimoniose che vanno piano e non emettono inquinanti. Dare un’occhiata all’universo parallelo potrebbe aiutarci a

Leggi Tutto »

Anche la Golf ha il fiato corto

Clamoroso: la nuovissima Golf 8 è già in promozione anche in Italia. Merito del coronavirus, certo, che ha sconvolto il mercato. Ma una piccola riflessione s’impone: e se non fosse più in cima alla lista desideri degli automobilisti?

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli