media-Golf 8 GTI_DB2020AU00116

Number eight

Trentasei anni dopo la prima versione ecco la GTI numero 8, che arricchisce l’idea di Golf sportiva con la tecnologia più moderna.

Parlare di icone nel mondo Golf è scontato, ogni versione ne rappresenta una nel mondo automotive. Ma nel 1984 la GTI ha inaugurato un segmento che ha avuto grande successo, quello dell’auto di famiglia con grinta, che sino ad allora esisteva soltanto negli Usa con le muscle car.

Un debutto difficile oggi, visto il momento virale, che potrebbe subire le stesse difficoltà delle versioni stardard di questa ottava generazione della Golf. Ma che non toglie nulla alle doti di guida di un’auto che implementa ulteriormente la dotazione per offrire la guida sportiva al top.

Sotto il cofano il due litri turbo a iniezione diretta TSI è quello delle Performance della precedente edizione; eroga 245 CV e 370 Nm, accoppiato a un cambio manuale a 6 marce oppure al DSG a sette. La trazione anteriore avviene tramite un differenziale autobloccante a controllo elettrionco, che tramite una frizione a lamelle varia la percentuale di blocco a seconda delle condizioni di guida. Il tutto sotto l’egida del nuovo Vehicle Dynamics Manager, il sistema di gestione che sovrintende a ogni struttura elettromeccanica della vettura.
Così ecco la regolazione attiva (200 volte al secondo) su ciascuna ruota dello smorzamento degli ammortizzatori, lo sterzo progressivo, l’ESC con la funzione Sport e l’adeguamento della risposta del motore turbo a seconda della modalità impostata.
La scocca è più rigida, del 5% davanti e del 15% dietro, e gli assi sono stati riprogettati con fondocorsa per ridurne il peso e offrire un assetto più dinamico.

All’interno la strumentazione digitale si avvale di due schermi principali che incorporano l’infotainment, con il volante multifuzione elemento di comando principale; l’avviamento avviene con un tasto sulla consolle centrale che pulsa di luce rossa all’ingresso in auto.
Esternamente le ruote sono di serie da 17 pollici (da 18″ o 19″ richiesta); i fari matrix a led con una linea rossa che attraversa il frontale e la caladra illuminata a richiesta. I fendinebbia a led hanno un disegno a X.

Dietro domina il doppio scarico ai lati del diffusore con lo spoiler a tetto che si allunga verso l’esterno; l’altezza da terra è ridotta rispetto alle altre versioni. Aggressiva ma non troppo caratterizzata; l’impostazione che da sempre hanno avuto le GTI, da diporto ma anche divertimento, è mantenuta anche in questa versione, della quale presto vedremo l’evoluzione R che punta più decisa alle prestazioni.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli