p90377057-highres 1 tantum

Rocket Mini

Una belva. 306 Cv di potenza massima per una velocità di 265 km/h. E' la carta d'identità della Mini più cattiva della storia. Previsti solo 3000 esemplari numerati.

Una Mini così non si era mai vista prima. Così unica, così estrema, così cattiva. E dopo averla osservata per la prima volta all’ultimo Salone di Los Angeles di fine 2019, ora scopriamo con grande piacere che Mini si appresta a venderla sui principali mercati Italia compresa. Il prezzo, considerando che si tratta pur sempre di una Mini, è proibitivo: 49.500 euro. Ne faranno 3.000 esemplari tutti rigorosamente numerati e si chiamerà ufficialmente Mini John Cooper Works GP, il modello stradale più veloce del marchio britannico mai costruito.

A muoverla provvede un 2 litri turbo a 4 cilindri da ben 306 CV di potenza: quanto basta per accelerare da 0 a 100 km/h in 5,2 secondi e per raggiungere una velocità massima di 265 km/h.

Telaio e componentistica sono state oggetto di una profonda rivisitazione per sopportare questi livelli di potenza, mentre il cambio è lo Steptronic a doppia frizione a 8 marce (utilizzabile anche in modalità manuale) con differenziale autobloccante meccanico. Coppia massima 450 Nm a 1.750 giri, valore che resta costante fino a 4.500 giri.

Per la GP è stato sviluppato un sistema di scarico ad hoc: emette un suono moderato ad andatura normale che si trasforma rapidamente non appena si affonda sul pedale dell’acceleratore. I freni a disco sono a pinza fissa con 4 pistoncini davanti, mentre dietro sono a pinza flottante a pistoncino singolo. Di serie ci sono cerchi in lega leggera da 18 pollici con pneumatici 225/35 R 18.

Dal punto di vista estetico la GP si dintingue per una serie di numerose varianti spiccatamente sportive: in evidenza l’ampio alettone sul tetto con contorni a doppia ala, le minigonne e il nuovo spoiler anteriore. Le prese d’aria sono state maggiorate, mentre i grandi passaruota sono tra l’altro rinforzati dalla fibra di carbonio. L’unica tinta esterna è il Racing Grey metallizzato: tetto e le calotte degli specchietti retrovisori esterni sono invece rifiniti nel colore Melting Silver

Nell’abitacolo i sedili sono solo due con rivestimento in pelle, bordi laterali argentati, cuciture rosse in contrasto, logo GP sotto i poggiatesta integrati e cinture di sicurezza rosse. Sulla plancia, lato passeggero, è riportato anche il numero del veicolo, prodotto per ognuno dei 3000 modelli estremi per mezzo di stampa 3D.

La dotazione opzionale della GP include il climatizzatore automatico, il pacchetto Connected Navigation Plus, con sistema di ricarica wireless e antifurto. Il sistema di infotainment di serie visualizza informazioni sullo schermo da 6,5 pollici nel quadro strumenti centrale. Il rivestimento standard include anche un quadro strumenti digitale sullo sterzo. Lo schermo a colori è da 5 pollici. Il display del modello offre un feedback temporaneo e un display permanente dopo l’attivazione della modalità GP. Il logo GP viene sempre mostrato nella parte superiore.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

VW vende Bugatti?

La notizia è clamorosa; VW starebbe per cedere alla Rimac il marchio Bugatti. Per risparmiare? Forse. Di sicuro è sempre più coinvolta nella rivoluzione “green”

Leggi Tutto »

GM lancia la sfida a Tesla

Nikola Corporation e GM firmano un accordo per la produzione di un pick up elettrico. E, in un secondo momento, di veicoli commerciali a zero emissioni. Nel mirino ovviamente c’è Tesla

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli