apre

Ha acquistato 28 Tesla Model 3. Per errore…

In Germania un attempato cliente ha fatto il grande passo acquistando online la sua prima vettura: la Tesla Model 3. Ma deve aver fatto un po' di confusione con gli ordini perché alla fine le Model 3 acquistate erano 28....

In un periodo così buio per le vendite di auto, immaginate la soddisfazione di un dealer quando riesce a vendere un esemplare esposto nella sua vetrina. Una soddisfazione che si tramuta in gioia incontenibile quando quel dealer si accorge che un solo cliente ha acquistato non una ma 28 vetture contemporaneamente. Ventotto dico: tutte uguali, tutte dello stesso colore.

No, non è uno scherzo. E’ successo, ovviamente per errore (questo sì), in Germania dove un cliente sbadato ha ordinato 28 Tesla Model 3, senza accorgersi che il sito ha moltiplicato per altre 27 volte il suo ordine.

L’uomo un po’ avanti negli anni e perciò affetto da una lieve forma di analfabetismo digitale (ne so qualcosa anch’io), ha raccontato al figlio, leggermente alterato, che intendeva sostituire la vecchia auto di famiglia (una Ford Kuga) con un modello più nuovo e più moderno. Detto, fatto. L’occasione migliore, a suo dire, era la Tesla Model 3 anche perché, nel pieno della pandemia di coronavirus, il governo tedesco offriva il doppio degli incentivi per chi acquistava un veicolo elettrico. In fondo era una decisione semplice, era come bere un bicchier d’acqua…

E così nel carrello è stata aggiunta l’opzione Model 3 con pilota automatico: “papi” ha cliccato su “conferma” per inviare l’ordine a Tesla. Ma secondo l’uomo, l’immagine sullo schermo del PC era ostinatamente sempre uguale. Come se l’ordine non volesse partire. E allora via con un nuovo invio e poi un altro e un altro ancora. Ha “cliccato” per oltre un’ora, si è giustificato.

Dopo mille tentativi e una serie di imprecazioni, il sito si è finalmente animato rispondendo che l’ordine della Model 3 era andato a buon fine: esattamente come i precedenti 27 tentativi. In totale gli ordini avevano raggiunto la cifra 1.404.000 euro. Provate a immaginare le espressioni del volto (e le parole) della moglie e del figlio quando il capofamiglia li ha avvisati del piccolo disguido…
Anche perché i meccanismi di vendita online di Tesla prevedono l’esborso immediato di una caparra di 100 euro: 2.800 euro “bruciati” solo per aver esagerato un pochino con il tasto “invio”.

La situazione in famiglia stava degenerando, anche perché la regola di Tesla è quella di non restituire i 100 euro una volta partito l’ordine. Per fortuna dopo una lunga telefonata con uno dei responsabili del marchio americano, Tesla ha annullato i 27 ordini in eccesso, restituendo 2.700 euro al nuovo cliente.

Che ora aspetta con ansia la sua fiammante Model 3, mentre moglie e figlio hanno deciso di nascondere il PC. Non si sa mai…..

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

VW vende Bugatti?

La notizia è clamorosa; VW starebbe per cedere alla Rimac il marchio Bugatti. Per risparmiare? Forse. Di sicuro è sempre più coinvolta nella rivoluzione “green”

Leggi Tutto »

GM lancia la sfida a Tesla

Nikola Corporation e GM firmano un accordo per la produzione di un pick up elettrico. E, in un secondo momento, di veicoli commerciali a zero emissioni. Nel mirino ovviamente c’è Tesla

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli