tyacnna3

Solo per la Cina la Taycan RWD

Secondo la tipica modalità Porsche è stato presentato lunedì il modello base della Taycan, destinato però (per ora) al solo continente asiatico.

E’ la procedura standard: la Casa di Stoccarda prima presenta i modelli più prestazionali e solo dopo quelli base. E’ successo con la recente 911, succede ora con l’elettrica Taycan.
Base vuol dire a trazione posteriore invece che integrale, eliminando quindi il motore che agisce sulle ruote anteriori; la versione d’ingresso adotta però la stessa trasmissione a due rapporti della sorella più prestazionale, la cui potenza effettiva dipende dal tipo di accumulatore installato.
Se si acquista la standard-standard, con batteria da 79,56 kWh, la potenza massima è di 326 CV, che salgono a 408 se si utilizza il launch control per bruciare i semafori. I valori crescono però rispettivamente a 380 e 476 CV scegliendo il più capace accumulatore da 93,4 kWh. Lo 0-100 è comunque di 5,4 s in entrambi i casi; idem per la V max, ferma a 230 km/h.

La dotazione di serie prevede sospensioni a controllo elettronico, gruppi ottici full led e ruote da 19 pollici, con il consueto amplissimo catalogo di optional disponibile.
Non sono stati forniti dati sull’autonomia, ma basandosi su quelli inerenti la 4S con batteria di maggior capacità, pari a 327 km, è ragionevole ritenere consentano un range più allargato visto il minor assorbimento energetico di questa versione cadetta.
Ovvia comunque la consueta fortissima dipendenza dell’autonomia dallo stile di guida: se si esagera con gli spari a massima potenza potrebbe calare vistosamente, tipico problema di ogni automobile elettrica.

Nessuna info nemmeno sul prezzo, che però dovrebbe collocarsi sotto i 100.000 euro.
Prossima nascita nella famiglia elettrica Porsche, il debutto della versione station wagon, la Taycan Cross Turismo che potrebbe vedere la luce, covid permettendo, l’anno prossimo.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Una td, per fortuna….

Le novità con motore Diesel sono ormai una vera rarità. Per cui ben venga l’Audi Q2 con il 2.0 TDI da 150 CV. Perché piaccia o no, per il gasolio c’è ancora spazio

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli