128

Il ritorno della 128

Torna la sigla di una della auto più diffuse degli anni ’70; questa volta però non è una Fiat ma una BMW.

Ai tempi la versione sportiva della Fiat 128 era la Rally; a Monaco invece le sportive le chiamavano turismo internazionale, a partire dalla 1800 Ti del 1963. Ecco perciò la Serie 1 sportiva, la 128 ti, basata sulla piattaforma a trazione anteriore dell’ultima versione dell’auto d’ingresso alla gamma dell’Elica Azzurra.
I prototipi sono ora nelle fasi finali di sviluppo e il lancio in Europa è previsto per novembre. Sotto il cofano c’è un due litri turbo a 4 cilindri con 265 cavalli e 400 Nm di coppia, accoppiato a un automatico a 8 velocità che agisce sulle ruote anteriori tramite un differenziale Torsen tarato al 31% in accelerazione e al 26% in rilascio.

L’obiettivo è quello di fare della 128ti un’alternativa alle sportive a trazione anteriore come la VW Golf GTI e la Honda Civic Type R, ma anche la Hyundai i30 N e la Ford Focus ST. Le sospensioni, ora Msport, sono state abbassate di dieci millimetri e irrigidite con molle più dure e minor smorzamento. L’eliminazione della trazione integrale ha comportato poi un alleggerimento: l’auto pesa infatti 1.520 kg, 80 meno della M 135i.
BMW dichiara uno 0-100 in 6.2 s e una Vmax di 250 km/h; debutto ufficiale il 7 ottobre prossimo.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Una td, per fortuna….

Le novità con motore Diesel sono ormai una vera rarità. Per cui ben venga l’Audi Q2 con il 2.0 TDI da 150 CV. Perché piaccia o no, per il gasolio c’è ancora spazio

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli