200916-01_011

Sarà la 400Z?

Nissan non è stata prodiga di dati tecnici, ma basta uno sguardo per capire che la distanza tra questa concept e una 400Z di serie è davvero minima.

Come dicevo la settimana scorsa, stamane Nissan ha presentato la concept Z Proto, che di fatto non è che una versione sottilmente camuffata del modello di produzione previsto sul mercato in un periodo tra i prossimi 18 mesi e due anni.
La Z Proto combina elementi stilistici delle Z del passato con un minimo di futuro, almeno quanto a stile. Perché invece nei materiali il passo avanti è stato fatto: minigonne laterali, labbro inferiore anteriore e bordo posteriore sono infatti in fibra di carbonio, per ridurre il peso e dare un’estetica moderna.

La Proto Z è lunga 4.382 mm, quasi 12 cm più dell’attuale e leggermente più alta e più larga, rispettivamente 1.310 e 1.850 mm. Monta però ruote da 19 pollici, mentre il modello attuale ne ha 20. Il progettista Hiroshi Tamura sostiene che con i 19 c’è abbastanza gomma per divertirsi e che le masse non sospese così calano, ma forse l’ufficio costi c’entra.
Sotto il lungo cofano anteriore c’è un V6 biturbo che agisce sulle ruote dietro; come previsto la trasmissione è manuale. Essendo il mercato Usa quello di riferimento per quest’auto, un omaggio all’attuale forte richiesta yankee di trasmissioni manuali sulle sportive ci sta.

All’interno una plancia vagamente aeronautica con cruscotto digitale da 12.3 pollici che ripete in parte gli stessi strumenti analogici collocati nella parte superiore; bello il volante a calice e di tono sportivo la scelta di porre la zona rossa del contagiri ( a 7.000) esattamente di fronte allo sguardo.

Rivestimenti neri con cuciture gialle a contrasto sui sedili, che sembrano essere rivestiti in una combinazione di pelle e scamosciato sintetico. Lo schermo touch centrale è da da 8 pollici.


Il V6 biturbo da 3,0 litri sulle Infiniti ha 400 CV, ma non è stata data alcuna certezza sulla replica di potenza nella Z; unico accenno, quello relativo all’affinamento attualmente in corso delle caratteristiche di erogazione per dare al pilota una sensazione di controllo adeguata.
La prossima Z potrebbe debuttare entro entro la fine del 2021.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Una mano dal metano

In attesa che il sogno delle full electric diventi realtà, il mercato offre auto interessanti e più di altre rispettose dell’ambiente. Come l’Audi A3 Sportback g-tron

Leggi Tutto »

Sette in un sol colpo

Ci saranno solo sette Silver Spectre Shooting Brake, per altrettanti danarosissimi estimatori delle RR che non trovano soddisfazione nei modelli di serie. C’è un cartone

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli