sdjklnvndfknjm

A volte ritornano

La ri-nomina di Stephan Winkelmann ad amministratore delegato di Lamborghini crea un “pacchetto” pronto per lo spinoff.

L’annuncio arriva quasi in contemporanea con quello del capo della holding Herbert Diess riguardo la possibile cessione del marchio Lamborghini, con la possibilità di includere Ducati nei marchi ceduti. Winkelmann è stato amministratore delegato della Casa di Sant’Agata dal 2005 al 2016 e riassume la carica senza rinuciare a quella analoga che svolge per Bugatti.
Il ritorno avviene simultaneamente ai rumors secondo cui il Gruppo Volkswagen stia considerando di vendere Bugatti a Rimac in cambio dell’acquisizione da parte di Porsche di una quota maggiore nella società.
Si apre a questo punto anche l’ipotesi di una cessione dei due brand alla stessa firma, anche se Lamborghini ha un assetto industriale decisamente più corposo che richiede un impegno economico e logistico assai maggiore di quello richiesto per Bugatti.

Il gruppo VW prosegue dunque nella riorganizzazione che ruota attorno alla trasformazione elettrica della produzione e di fatto segue lo stesso criterio che si sta affermando alla Mercedes, che annuncia la riduzione di stazza per adattarsi al nuovo mercato che si prospetta in campo automotive.
Resta da vedere se cosa possa succedere a Ducati, dato che nel settore motociclistico sono sostanzialmente solo due i marchi occidentali che potrebbero considerare un takeover, mentre le aziende auto sono ormai lontane da acquisizioni fuori dal core business.
C’è sempre l’oriente, però…

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Cattive dentro

Una presentazione eccezionale con tre vetture che rappresentano il top della sportività di fascia media. Sono le nuove BMW M3, M4 e M4 Cabriolet. Ormai

Leggi Tutto »

Autonome, non sicure

Le automobili self driving non rappresentano come molti sostengono il toccasana della sicurezza. Lo prova un’indagine dell’ENISA. ENISA sta per European Union Agency for Cybersecurity,

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli