jhbjnjnklnm

Colpo di coda

Dopo il clamoroso fallimento del suo progetto automobilistico, Dyson torna alla ribalta con un piano di sviluppo per batterie a stato solido

Sino a un anno fa sembrava che James Dyson, tycoon inglese degli elettrodomestici avesse trovato nel settore auto un nuovo ambito di sviluppo per la sua azienda.
Poi il clamoroso annuncio della débacle, con la chiusura dell’intera area di sviluppo e la forzata dismissione di tutta una serie di attività connesse che avrebbero proiettato la società in un nuova posizione sul mercato mondiale con un’accentuata diversificazione di investimenti e prodotti fuori dall’iniziale core business.

Oggi però il vulcanico imprenditore torna ad abbracciare l’automotive con un progetto che potrebbe proiettarlo in un ruolo centrale nello sviluppo della mobilità elettrica, la ricerca e la realizzazione di nuovi tipi di accumulatore per la trazione elettrica.
Il piano di investimento è di 2,75 miliardi di sterline, un po’ meno di quanto stanziato a suo tempo per l’auto (3 miliardi di £) ed è previsto che per il 2025 porti alla industrializzazione di una batteria a stato solido, il sacro graal del mondo elettrico, argomento su cui si concentrano le ricerche di svariati costruttori nel mondo.
Gli investimenti saranno concentrati principalmente a Singapore, dove già era stata posta la base per lo sviluppo della vettura, nelle Filippine e in UK, anche se con la brexit no deal alle porte questa parte del progetto è tutta da vedere. L’obiettivo è quello di commercializzare direttamente gli accumulatori e di ri-entrare quindi in quello che è attualmente il business più ricco e centrale della mobilità elettrica senza affrontare le incognite della costruzione di un veicolo, ma anche quello di vendere i diritti di fabbricazione a terzi, consolidando così la propria posizione nel settore.
Un progetto ambizioso e tuttavia non privo di incognite, vista la rilevanza dei gruppi in competizione e le enormi somme stanziate da questi per la ricerca, che sicuramente vanno molto oltre la pur grande somma messa in gioco da Dyson.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Negare l’evidenza

Corrono le voci sull’aumento delle accise sul gasolio. Per ridurre l’impatto sulla CO2, dicono. Un assurdo tecnico ed economico, ma sappiamo come vanno le cose

Leggi Tutto »

Detto e fatto

Tesla trasloca dalla California al Texas. Dopo le ordinanze di chiusura della sede di Fremont che avevano generato una battaglia legale, il marchio sposta la

Leggi Tutto »

Principio di realtà

Nei sogni spakkano e sono virtuose per l’ambiente, con costi d’esercizio risibili e potenze da F1. Ma nel mondo reale i problemi connessi all’uso delle

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli