Clipboard01

Dopo lo sport, il lusso

Con la presentazione della nuova Maybach Mercedes rinforza ulteriormente la sua presenza nei segmenti top di gamma, nell’ottica di concentrarsi sul nuovo concetto di lusso.

I record sportivi e l’ennesimo primato in F1 non hanno distolto Mercedes-Benz dall’obiettivo del primato nel segmento top. Così, pur a fronte della cessazione di Maybach come brand a sè stante nel 2012, la strategia per utilizzarla come sottomarca ultra-lusso prosegue in sintonia con il debutto della nuova Classe S.

La griglia unica a doghe verticali il cui design si ispira ai gessati di un abito, un corpo vettura particolarmente allungato e uno degli interni più lussuosi del settore si sono rivelati vincenti specie sul mercato cinese e hanno spinto la Casa a mantenere lo sviluppo di questo genere di vetture.
Questo tipo di acquirente è decisamente avulso all’understatement e vuole che la sua auto si distingua davvero; quindi ecco la verniciatura bicolore standard con una linea di divisione applicata a mano. Un processo lungo e complesso che può richiedere 3 settimane che è svolto con una cura maniacale, come nel caso dell’aggiunta di pesi ai gusci vuoti delle porte per simulare il peso degli elementi che saranno aggiunti in seguito (finestrini, altoparlanti e finiture interne) in modo che la linea di divisione dipinta lungo il lato e le porte sia all’altezza giusta.

Maybach offre 10 combinazioni di colore e la parte anteriore è simile a quella della Classe S; il vero lusso è però dietro.
Il passo più lungo dà più spazio ai sedili posteriori, con gli occupanti qui che ottengono 140 mm di spazio extra per le gambe. Gli schienali sono reclinabili con un cuscino riscaldato sui poggiatesta e incoprorano ovviamente la funzione massaggio, che si estende anche ai polpacci. Il rivestimento è in pelle nappa, padiglione compreso, ma sono disponibili ulteriori opzioni di rivestimento. Con il pacchetto Executive Rear Seat Plus la console centrale si estende attraverso la cabina e tra i sedili posteriori, con portabicchieri riscaldati e raffreddati, porte di ricarica USB e un vassoio pieghevole per contenere gli schermi dei tablet del veicolo o fungere da postazione di lavoro. Infine, le porte sono controllate elettronicamente e possono essere aperte dal posto di guida o semplicemente muovendo la mano nell’aria.

Per migliorare ulteriormente il comfort c’è poi un sistema di cancellazione del rumore che si basa sia sul rilevamento dei suoni ambientali sia su quelli provenienti dalla superficie stradale sottostante; l’onda sonora di contrasto è poi riprodotta tramite il sistema audio Burmester 4D, standard sull’auto.

Le sospensioni sono pneumatiche con sistema Active Body Control, che usa una telecamera per scansionare la superficie stradale e quindi regolare lo smorzamento per adattarlo. L’erogazione di potenza è studiata per un’andatura più fluida che prevede in alcuni casi l’avvio in seconda marcia. Per ora la gamma prevede la sola S580 con il V-8 biturbo AMG da 4,0 litri e configurazione ibrida leggera per una potenza combinata di 503 CV e 700 Nm, ma un motore V-12 sarà presto in listino.
Prezzi disponibili dal lancio sul mercato.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Ma perché?

La scelta del nome di un’auto è sempre un’operazione complessa, deve avere un senso in parecchie lingue, dev’essere facile da ricordare, non deve ricondurre a

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli