cvf

Eccola di nuovo

L’attesa versione estrema della Golf arriva nel corpo vettura dell’ultima edizione della berlina VW con il motore 2 litri da 320 CV.

Preceduta dal tempo sul giro di 7:51 al Ring, debutta la Golf R di ottava generazione. Monta il 4 cilindri turbo da 2 litri della serie EA888, la cui potenza è ora di 320 CV con la coppia massima di 420 Nm tra 2.100 e 5.350 giri. Le prestazioni sono notevoli, 0-100 km/h in 4,7 secondi e velocità massima autolimitata a 250 Km/h, ma aumentabile a 270 con l’optional R-Performance, che prevede anche uno spoiler più ampio, cerchi da 19” e due modalità di guida aggiuntive, Special e Drift. La trazione integrale 4Motion con R-Performance torque vectoring agisce attraverso il cambio a doppia frizione a 7 marce e può dirigere il 50% della coppia al retrotreno, che a sua volta dispone di una nuova unità a doppia frizione in grado di convogliarla tutta alla ruota posteriore esterna in curva, riucendo così la percorrenza; il torque vectoring, appunto.
Le sospensioni anteriori MacPherson hanno un sottotelaio in alluminio più leggero e i nuovi ammortizzatori adattivi hanno una gamma più ampia di taratura, mentre le barre stabilizzatrici anteriori e posteriori sono più rigide del 10%; il servosterzo elettrico è ora più diretto.
La Golf R monta pneumatici 235/35R19 con canale da 8 pollici e i freni sono stati potenziati, ma stranamente hanno pinze (blu) anteriori a soli due pistoncini, anche se la vettura pesa 60 kg più della precedente.

La Golf R 2022 è dotata di quattro modalità di guida principali, più due secondarie, tutte accessibili premendo il pulsante R blu sul volante. Comfort, Sport (predefinita), Race e Individual configurabile, poi una taratura speciale per girare al Ring che utilizza la mappa del tracciato, meno estrema della Race per tenere conto delle discontinuità stradali. Infine la posizione Drift, il cui uso è evidente.

L’aspetto è simile a quello della GTI, ma il modello 2022 ha prese d’aria più grandi, un logo R e una barra trasversale blu che si illumina come una striscia LED. L’auto è più bassa di 20 mm rispetto alla Golf base e la parte posteriore ha due terminali di scarico cromati, un diffusore e uno spoiler in due pezzi.
All’interno lo stesso quadro strumenti digitale della GTI e un sistema di infotainment touchscreen da 10,0 pollici. I sedili sportivi sono rivestiti in pelle nappa con elementi carbon look e finiture blu nelle sezioni laterali.
Prezzi a fine mese.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Dopo lo sport, il lusso

Con la presentazione della nuova Maybach Mercedes rinforza ulteriormente la sua presenza nei segmenti top di gamma, nell’ottica di concentrarsi sul nuovo concetto di lusso.

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli