kjknkjn

Polestar perde la Francia

Un tribunale francese ha temporaneamente vietato a Polestar di utilizzare il proprio logo in Francia, dopo una disputa legale di tre anni sulla somiglianza del logo con quello di Citroën.

Il gruppo PSA aveva chiesto a Volvo di smettere di usare il logo Polestar, troppo simile all’emblema del double chevron (vecchio di 121 anni) di Citroën, ma l’azienda ha rifiutato di conformarsi, sostenendo invece la diversità dei loghi.
Di qui il primo ricorso di Citroën all’Ufficio europeo per la proprietà intellettuale, senza esito, seguito dal passaggio alle vie legali ordinarie.

Ora la causa è arrivata a sentenza e un tribunale francese ha dato ragione a Citroën, ordinando a Polestar di pagare una sanzione di 150.000 € al marchio francese, oltre a 70.000 € di spese legali.
A Polestar è stato inoltre impedito di utilizzare il proprio logo in Francia per sei mesi dall’emissione dell’ordinanza del tribunale, datata luglio 2020.
La condanna comunque non sembra aver turbato particolarmente i vertici della Casa, che per bocca di un suo portavoce ha dichiarato di non avere intenzione di operare in Francia; l’interdizione non riguarda comunque alcun altro Paese europeo.
Certo che la somiglianza però c’è, eccome. Il fatto che gli chevron Polestar siano accoppiati di punta e sghembi invece che accodati non rende i due loghi così diversi, anche se al colpo d’occhio non sembra.
E poi lo sanno tutti che in Francia domina lo chauvinisme

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Cattive dentro

Una presentazione eccezionale con tre vetture che rappresentano il top della sportività di fascia media. Sono le nuove BMW M3, M4 e M4 Cabriolet. Ormai

Leggi Tutto »

Autonome, non sicure

Le automobili self driving non rappresentano come molti sostengono il toccasana della sicurezza. Lo prova un’indagine dell’ENISA. ENISA sta per European Union Agency for Cybersecurity,

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli