hjvbjhbjkhb

Hyundai punta sul 5

Nella più recente ottica di tenere il punto in ogni settore, la Casa coreana sta sviluppando un nuovo motore sportivo a 5 cilindri.

Nella sua ascesa al ruolo di grande costruttore mondiale Hyundai si è concentrata sulla fascia di largo mercato, collocandosi prevalentemente in posizione mediana piuttosto che indulgere in prodotti di nicchia. La recente svolta elettrica ha condiviso questa linea, ma bisogna anche dire che dal debutto della linea N nel 2017 qualcosa è cambiato, visti anche i più recenti prototipi a batteria come la Prophecy.
Un’indiscrezione ora rivela però che la Casa sta sviluppando un propulsore turbo a 5 cilindri da 2,3 litri basato sull’esperienza tecnologica delle vetture Hyundai che gareggiano nel campionato WRC.

L’intento è sia quello di disporre di un motore più prestazionale per le competizioni, sia di allargare la gamma N Line con versioni più potenti.
Il motore ha una testata ovviamente più lunga ma identica nella struttura a quella utilizzata per il blocco cilindri dei motori da corsa e si dice possa girare molto alto, il che offrirebbe un vantaggio nella guida riducendo le cambiate.
Non ci sono ancora dettagli su potenza e coppia, ma considerato che con il millesei WRC i tecnici hanno ottenuto 380 CV a 6.500 giri e 450 Nm a 5.500, è lecito attendersi una potenza massima della versione gara vicina ai 550 CV con valori di coppia attorno ai 600 Nm.
Sulle versioni da strada i numeri saranno ovviamente minori, ma in grado di far competere Hyundai ad armi pari con le principali cattive europee.
Vista la pandemia non ci sono date di debutto, ma il progetto va avanti.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Ridurre il riciclo

Questo lo scopo finale del progetto giapponese: una plastica in grado di ripararsi da sola potrebbe allungare enormemente la vita operativa dei particolari in cui

Leggi Tutto »

Inversione elettrica

Il design dei nuovi veicoli elettrici parte all’opposto del metodo tradizionale: si fissano Cx e volume, poi segue tutto il resto. Lo afferma Alfonso Albaisa,

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli