ProEXR File Description

=Attributes=
cameraAperture (float): 36
cameraFNumber (float): 8
cameraFarClip (float): 1e+030
cameraFarRange (float): 1e+018
cameraFocalLength (float): 31.8489
cameraFov (float): 58.7158
cameraNearClip (float): 0
cameraNearRange (float): 0
cameraProjection (int): 0
cameraTargetDistance (float): 675.476
cameraTransform (m44f): [{0.867746, -0.486808, -0.100175, -214.729}, {-0.496924, -0.846077, -0.192926, -825.09}, {0.00916244, 0.21719, -0.976086, 131.421}, {0, 0, 0, 1}]
channels (chlist)
compression (compression): DWAA
dataWindow (box2i): [0, 0, 3390, 5086]
displayWindow (box2i): [0, 0, 3390, 5086]
lineOrder (lineOrder): Increasing Y
pixelAspectRatio (float): 1
screenWindowCenter (v2f): [0, 0]
screenWindowWidth (float): 1
type (string):

Otto capolavori

Una chicca per i cultori delle auto storiche. Jaguar costruirà otto repliche identiche alla C-Type che vinse a Le Mans nel 1953.

Una notizia così deliziosamente assurda non poteva che provenire dall’Inghilterra. La divisione Classic di Jaguar festeggerà il 70mo anniversario della C Type, realizzando otto esemplari della mitica sportiva inglese.

Vettura progettata da Malcolm Sayer, che in poi avrebbe firmato anche la E-Type, la XJ13 e la XJS, la C-Type è stata l’auto da corsa di maggior successo di Jaguar.

Vinse al suo debutto alla 24 Ore di Le Mans nel 1951 e di nuovo nel 1953, oltre alla Mille Miglia, nella 12 Ore di Reims e in molte altre competizioni automobilistiche.

La C-Type Continuation (così si chiamerà) sarà realizzata tutta a mano secondo le specifiche il modello che nel 1953 vinse Le Mans: il che significa che sarà dotata di freni a disco su tutte e quattro le ruote, caratteristica che all’epoca fece scalpore perché la C Type fu prima auto ad adottare questo tipo di impianto frenante.

Il motore sarà un sei cilindri in linea da 3,4 litri alimentato da un trio di carburatori Weber 40DC03 per una potenza totale di 220 CV. In Jaguar dicono che lo 0-100 segnerà tempi intorno agli di 8,0 secondi e una velocità massima di 240 km/h. Il tutto per un peso di 950 kg: lo stesso della prima C-Type.

La divisione Jaguar Classic, specializzata anche in restauri spettacolari, utilizza materiale d’archivio insieme alle scansioni digitali dell’auto originale per replicarne con precisione la forma e le dimensioni.

Jaguar Classic può, per la prima volta, offre agli ai clienti delle nuove di C–Type un rendering digitale della loro auto per favorire il processo di personalizzazione. Sarà disponibile una scelta di 12 combinazioni di colori e badge originali.

Le nuove C-Type potranno partecipare alle corse storiche e potranno essere dotate di un sistema di cablaggio certificato FIA e roll bar.

I primi eventi di corse saranno organizzate per tutte le otto vetture Continuation il completamento è previsto nel 2022. 

Da sottolineare che a seguito di una sentenza della Divisione per la proprietà intellettuale della High Court in Svezia, Jaguar Land Rover si è assicurata il copyright per la C-Type sulla base del fatto che l’input creativo alla progettazione di un veicolo può essere paragonabile a quello di altri lavori come statue, dipinti o musica. I prezzi? Sono solo dettagli. Inutile quindi domandare quanto costa.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

La prossima R di VW

La svolta elettrica del marchio tedesco non lascerà indietro i modelli sportivi: la concept ID.X potrebbe sostituire la Golf R. Ralph Brandstätter, ad di VW,

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli