olkklòkkòlkk,lò

Tesla upgrading

Il marchio Usa ha rilasciato le caratteristiche di nuove versioni di gamma, con significativi aumenti di potenza e un innovativo pianale dotato di tre motori.

Insieme alla comunicazione dei dati economici relativi all’ultimo quadrimestre del 2020, Tesla ha rilasciato nei giorni scorsi foto e dati tecnici delle nuove versioni S e X, già ordinabili sul sito del marchio.
Il principale cambimento riguarda la nuova piattaforma a tre motori, due posteriori e uno anteriore, destinata alle versioni Plaid della Model S e della Model X. La potenza complessivamente disponibile sale a 1.034 CV e le unità sono tarate per attuare il torque vectoring in curva; le prestazioni in accelerazione sono ancora migliorate e Tesla dichiara uno 0-60 mph (96 km/h) in 1,99 secondi con autonomia di 628 km per la S e un tempo di accelerazione sulla stessa base di 2,5 secondi con range di 547 km per la X.

Per la sola Model S è prevista poi una versione Plaid+ che porta la potenza massima a 1.115 CV e permette un’accelerazione ancora migliore, definita però genericamente sotto 1,99 s sempre sullo 0-60 mph; l’autonomia resta quella delle versione meno potenti e la velocità massima è fissata a 200 mph, 322 km/h circa.

Ci sarebbe molto da dire sul reale range delle Tesla sia a queste velocità (e soprattutto facendo uso frequente delle piene accelerazioni), sia ad andature più rispettose dei limiti. A questo riguardo basta andare sui diversi Tesla club per farsi un’idea concreta: in pratica sopra i 120 km/h non si fanno più di 250 km.

All’interno le modifiche principali riguardano il posizionamento dello schermo (la cui ampiezza però non è stata comunicata), ora orizzontale come sulle 3 invece che verticale, e la sostituzione del volante classico con uno di ispirazione aeronautica che reca i comandi sulla razze; sparita anche le levetta degli indicatori di direzione, azionabili ora solo tramite lo stesso volante oltre alle luci, in compenso è comparso un tasto fisico per l’hazard.

Un ulteriore schermo touch è comparso nella parte posteriore della consolle centrale; sembrerebbe dedicato ai passeggeri posteriori, ma non è ancora del tutto chiara la sua funzione. Infine, l’aspetto esterno mostra una griglia inferiore innovativa, con prese d’aria laterali per il raffreddamento dei freni e la dotazione di pnaumatici più larghi.
I prezzi in Europa non sono ancora noti, ma negli Usa la Model X Plaid costa 121.190 $, mentre la Model S Plaid+ 141.190; vedete un po’ voi se ne vale la pena.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Altri articoli che potrebbero interessarti:

La prossima R di VW

La svolta elettrica del marchio tedesco non lascerà indietro i modelli sportivi: la concept ID.X potrebbe sostituire la Golf R. Ralph Brandstätter, ad di VW,

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI NOSTRI ARTICOLI!

Iscriviti GRATIS alla nostra newsletter, riceverai ogni settimana un aggiornamento con i nostri migliori articoli